Mamme a 30 anni: 8 motivi per fare un figlio a questa età

Ecco 8 motivi per fare un figlio a 30 anni: dalla maggiore consapevolezza di se stesse al maggior senso di responsabilità personale.

Pubblicato da Laura De Rosa Domenica 17 luglio 2016

mamma a 30 anni

Mamme a 30 anni, ecco 8 motivi per fare un figlio a questa età. Chi l’ha detto che sia necessario fare figli da giovanissime? Oggigiorno, complici la realizzazione professionale e altre incombenze, sempre più donne decidono di partorire il primo figlio dai 30 anni in poi e, a differenza di quanto si credeva un tempo, i vantaggi sono numerosi. Noi ne abbiamo individuato almeno 8.

Si è già autonome

Non è detto ma in via generale, una donna trentenne ha individuato una propria strada professionale a meno che non abbia fatto una scelta diversa. E questo le permette di essere abbastanza autonoma, cosa che conferisce maggiore sicurezza.

Ci si conosce di più

Sebbene ogni donna sia diversa e la conoscenza interiore non dipenda necessariamente dall’età, una mamma 30enne ha sicuramente un po’ più di consapevolezza rispetto a una 20enne. Se non altro per le esperienze accumulate nel tempo.

Si è più responsabili

In giovane età si è tendenzialmente meno responsabili rispetto all’età matura e questo ha sicuramente vantaggi e svantaggi ma con l’arrivo di un figlio, è indispensabile aumentare il livello di responsabilità e saper rinunciare, se è il caso, al divertimento.

Si ha maggiore consapevolezza dei propri valori

Rispetto ai 20enni, i 30enni hanno maggiore consapevolezza dei propri valori, delle cose in cui credono, della propria filosofia di vita e sebbene quest’ultima continui a cambiare nel tempo, perlomeno la base è un po’ più solida.

Si ha meno paura

Avere un figlio a 30 anni fa meno paura che a 20 o ancora prima e questo perché ci si sente meno spaesati e insicuri sul da farsi e in relazione a se stessi.

E’ un’età di mezzo

Si sa che andando avanti con l’età è più difficile rimanere incinta e subentrano alcune complicazioni, sebbene oggigiorno le gravidanze vadano a buon fine anche in età molto avanzata. Tuttavia 30 anni si può considerare una giusta via di mezzo.

Si è più consapevoli nella scelta degli uomini

A 30 anni molte esperienze con il maschile sono già state fatte e questo, in teoria, permette di farsi un’idea sugli uomini più adatti a se stesse e quelli che al contrario è meglio evitare, per non incorrere negli stessi errori.

Si è più pazienti

E’ vero che più cose abbiamo da fare, più diventiamo nevrotiche, tuttavia è proprio questo allenamento a gestire molti impegni e incombenze a renderci, man mano, più organizzate e quindi anche più pazienti. E a 30 anni, rispetto a 20, lo si è sicuramente di più.