Canzoni di Natale per i bambini: testi e video delle più belle

Oggi vediamo insieme le più belle canzoni di Natale per i bambini con i testi e i video di quelle che maggiormente evocano l’atmosfera natalizia per grandi e piccini.

Pubblicato da Francesca Bottini Giovedì 13 dicembre 2012

canzoni di natale bambini
Le canzoni di Natale per i bambini sono un modo bellissimo per accompagnare con allegria la cena della vigilia e il pranzo del 25. Oggi vediamo insieme i testi e i video delle più belle canzoni classiche che non possono mancare nel repertorio natalizio. Aiutate fin da ora i vostri bambini ad impararle a memoria per un’esibizione con parenti e amici che li renderà davvero orgogliosi. Vediamo insieme le più belle musiche per un Natale in famiglia!

Astro del ciel

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!

Tu che i Vati da lungi sognar, tu che angeliche voci nunziar,

luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!

Tu di stirpe regale decor, Tu virgineo, mistico fior,

luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Astro del ciel, Pargol divin, mite Agnello Redentor!

Tu disceso a scontare l’error, Tu sol nato a parlare d’amor,

luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

Luce dona alle genti, pace infondi nei cuor!

A Natale puoi

A Natale puoi

fare quello che non puoi fare mai:

riprendere a giocare,

riprendere a sognare,

riprendere quel tempo

che rincorrevi tanto.

È Natale e a Natale si può fare di più,

è Natale e a Natale si può amare di più,

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi:

a Natale puoi.

A Natale puoi

dire ciò che non riesci a dire mai:

che bello è stare insieme,

che sembra di volare,

che voglia di gridare

quanto ti voglio bene.

È Natale e a Natale si può fare di più,

è Natale e a Natale si può amare di più,

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi:

a Natale puoi.

È Natale e a Natale si può amare di più,

è Natale e a Natale si può fare di più

per noi:

a Natale puoi.

Luce blu,

c’è qualcosa dentro l’anima che brilla di più:

è la voglia che hai d’amore,

che non c’è solo a Natale,

che ogni giorno crescerà,

se lo vuoi.

A Natale puoi.

È Natale e a Natale si può fare di più,

è Natale e a Natale si può amare di più,

è Natale e a Natale si può fare di più,

è Natale e da Natale puoi fidarti di più.

A Natale puoi

puoi fidarti di più.

A Natale puoi.

Bianco Natale

Col bianco tuo candor, neve

sai dar la gioia ad ogni cuor,

è Natale ancora

la grande festa

che sa tutti conquistar.

Un canto vien dal ciel, lento

che con la neve dona a noi

un Natale pieno d’amor

un Natale di felicità.

Tu, neve scendi ancor lenta

per dare gioia ad ogni cuor,

alza gli occhi

e guarda lassù,

è Natale non soffrire più.

Quel lieve tuo candor, neve

discende lieto nel mio cuor …

Tu, dici nel cader neve

il cielo devi ringraziar,

alza gli occhi

e guarda lassù,

è Natale non soffrire più.

Tu scendi dalle stelle

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,

e vieni in una grotta al freddo e al gelo. (2 v.)

O Bambino mio divino,

io ti vedo qui a tremar;

o Dio beato !

Ah, quanto ti costò l’avermi amato ! (2 v.)

2. A te, che sei del mondo il Creatore,

mancano panni e fuoco, o mio Signore. (2 v.)

Caro eletto pargoletto,

quanto questa povertà

più m’innamora,

giacché ti fece amor povero ancora. (2 v.)

3. Tu lasci il bel gioir del divin seno,

per giunger a penar su questo fieno. (2 v.)

Dolce amore del mio core,

dove amore ti trasportò ?

O Gesù mio,

per ché tanto patir ? per amor mio ! (2 v.)

4. Ma se fu tuo voler il tuo patire,

perché vuoi pianger poi, perché vagire ? (2 v.)

mio Gesù, t’intendo sì !

Ah, mio Signore !

Tu piangi non per duol, ma per amore. (2 v.)

5. Tu piangi per vederti da me ingrato

dopo sì grande amor, sì poco amato!

O diletto – del mio petto,

Se già un tempo fu così, or te sol bramo

Caro non pianger più, ch’io t’amo e t’amo (2 v.)

6. Tu dormi, Ninno mio, ma intanto il core

non dorme, no ma veglia a tutte l’ore

Deh, mio bello e puro Agnello

a che pensi? dimmi tu. O amore immenso,

un dì morir per te, rispondi, io penso. (2 v.)

Dunque a morire per me, tu pensi, o Dio

ed altro, fuor di te, amar poss’io?

O Maria. speranza mia,

se poc’amo il tuo Gesù, non ti sdegnare

amalo tu per me, s’io non so amare! (2 v)

Jingle Bells

Dashing through the snow

On a one-horse open sleigh,

Over the fields we go,

Laughing all the way;

Bells on bob-tail ring,

Making spirits bright,

What fun it is to ride and sing

A sleighing song tonight

Jingle bells, jingle bells,

Jingle all the way!

O what fun it is to ride

In a one-horse open sleigh

A day or two ago,

I thought I’d take a ride,

And soon Miss Fanny Bright

Was seated by my side;

The horse was lean and lank;

Misfortune seemed his lot;

He got into a drifted bank,

And we, we got upsot.

Jingle Bells, Jingle Bells,

Jingle all the way!

What fun it is to ride

In a one-horse open sleigh.

A day or two ago,

The story I must tell

I went out on the snow

And on my back I fell;

A gent was riding by

In a one-horse open sleigh,

He laughed as there

I sprawling lie,

But quickly drove away.

Jingle Bells, Jingle Bells,

Jingle all the way!

What fun it is to ride

In a one-horse open sleigh.

Now the ground is white

Go it while you’re young,

Take the girls tonight

And sing this sleighing song;

Just get a bob-tailed bay

Two-forty as his speed

Hitch him to an open sleigh

And crack! you’ll take the lead.

Jingle Bells, Jingle Bells,

Jingle all the way!

What fun it is to ride

In a one-horse open sleigh.