Villocentesi

La villocentesi è un esame molto importante che si pratica in gravidanza. Consiste nel prelievo, tramite un lungo ago, dei villi coriali che si trovano nel liquido amniotico. Dall'analisi di questi è possibile rintracciare e escludere alcune patologie anche molto gravi per la salute del feto. In questa sezione vedremo le strutture migliori in cui effettuare la villocentesi ma anche i possibili rischi, il post e la preparazione a questo esame abbastanza invasivo. Vedremo anche le situazioni in cui è molto importante sottoporsi alla villocentesi e quando invece non è necessario.

Villocentesi, quando bisogna farla?

Villocentesi, quando bisogna farla?

In genere non si tratta di un esame particolarmente doloroso, sebbene la sensibilità al dolore sia un fatto prettamente soggettivo. L’esame non necessita di anestesia locale né anestesia generale. In casi estremamente rari può provocare infezioni e sanguinamento.

Villocentesi, diagnosi e rischi

Villocentesi, diagnosi e rischi

La villocentesi è un prelievo dalla placenta, che si esegue dopo la 10° settimana di gestazione con un procedimento molto simile a quello dell'amniocentesi.

Pagina 1 di 1