Spirale, utile come contraccettivo di emergenza

La spirale è un anticoncezionale molto utile. Oggi una ricerca ha scoperto che può essere usato anche come pillola del giorno dopo, fino a cinque giorni

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 12 agosto 2010

Spirale, utile come contraccettivo di emergenza

Gli anticoncezionali sono molto diversi ed è bene essere informati per poter scegliere quello che funziona meglio sul nostro corpo. È inutile cadere in luoghi comuni, non sono tutti uguali, anche le pillole tra loro. E soprattutto spesso si crea un po’ di confusione tra pillola del giorno dopo e pillola abortiva. Per fare un po’ di chiarezza, ricordo che la prima blocca l’annidamento della gravidanza (quindi prima che sia in corso) e va assunta dopo un rapporto non protetto o a rischio. La seconda, invece, induce l’aborto, quando la gravidanza è già in corso. Come vedete la differenza non è neanche così sottile. Esiste anche un nuovo tipo di spirale.
Nel caso di contraccettivi di emergenza, tenete sempre in considerazione anche la classica spirale di rame che ha fatto registrare un’efficacia del 100 per cento come anticoncezionale in uno studio condotto su quasi 2000 donne cinesi, che si erano fatte impiantare il dispositivo entro 5 giorni dopo aver fatto sesso non protetto.

Il dispositivo (dal nome di Copper T380A, o Copper T), un anno dopo l’impianto, era ancora efficace nel prevenire gravidanze indesiderate.

È molto interessante questo dato e mi piacerebbe che qualche esperto italiano si esprimesse sull’uso della spirale. Nel nostro Paese si è registrato un calo, così come per il diaframma, a favore delle pillole leggere di nuove generazione.