Seggioloni Ikea difettosi, un milione di pezzi ritirati dal mercato

da , il

    Seggioloni Ikea difettosi, un milione di pezzi ritirati dal mercato

    Un milione e 200mila seggioloni per bambini Ikea difettosi, sono stati ritirati dal mercato dopo aver già provocato otto casi di incidenti a danno di bebè. Il “difetto” riguarda uno specifico modello di seggiolone, l’Antilop, piuttosto economico (costa 13 Euro) e quindi tra i più venduti della linea di arredamento per bambini, ed è di quelli seri: la cintura di sicurezza, infatti, tende ad aprirsi improvvisamente, motivo per cui il piccolo occupante può cadere e farsi male. Infatti, è esattamente quello che è capitato agli otto bimbi “vittime” dei seggioloni difettosi, tre dei quali si sono feriti, seppur in modo non grave, come ha fatto sapere la stessa portavoce del colosso svedese dell’Arredamento, Ylva Magnusson.

    Nello specifico, non tutti i seggioloni Antilop sono stati realizzati con questa tara di partenza, ma solo ed esclusivamente i modelli prodotti tra il luglio del 2007 e il novembre del 2009 in Cina, da una ditta fornitrice identificata dalla sigla cifrata 17389, che si legge sotto il sedile dell’articolo. Per quanto riguarda la diffusione della partita difettosa, interessa particolarmente Olanda, Svezia e Germania, mentre nessun problema è stato registrato sui modelli Antilop identificati da altra cifra (e quindi realizzati, evidentemente, da altri fornitori).

    Comunque sia, tutti quei genitori che avessero comprato il seggiolone in questione, e che naturalmente ora fossero in ansia, sono caldamente invitati a contattare il punto vendita Ikea dove hanno effettuato l’acquisto, o scrivere al sito web dell’azienda, per poter ricevere, gratuitamente, una cintura di sicurezza sostitutiva, nel frattempo, non usatelo! Insomma, tutto è bene quel che finisce bene, speriamo che nessun altro incidente si verifichi a causa delle cinture di sicurezza difettose prima che tutte quante siano state debitamente sostituite e onore all’Ikea per la prontezza con cui sta ponendo rimedio al problema.