Scuole aperte a Natale: iniziativa di sei istituti milanesi

da , il

    Scuole aperte a Natale: iniziativa di sei istituti milanesi

    Sei scuole milanesi resteranno aperte durante le vacanze di Natale, per venire incontro alle esigenze di tanti genitori che lavorano in quel periodo e che farebbero fatica a “sistemare” i figli in modo opportuno. L’alternativa sarebbe, naturalmente, l’avvalersi di una baby sitter, che però peserebbe eccessivamente sul bilancio familiare. Senza contare la difficoltà di trovare disponibilità nei giorni convulsi che anticipano e seguono Natale e capodanno. Il problema a cui gli istituti scolastici milanesi stanno cercando di far fronte, è l’eccessiva lunghezza delle ferie natalizie: la chiusura, infatti, va dal 23 dicembre fino al 10 gennaio 2011.

    Un periodo di tempo dilatato che i bimbi trascorrono in casa, ma spesso senza i genitori, per i quali i giorni di vacanza sono meno delle dita di una mano. Chi non può avvalersi della disponibilità di nonni o parentado, è costretto a pagare qualcuno che badi ai figli per ogni giorno di assenza, con una spesa spesso troppo onerosa. In un simile contesto, entrano in gioco le scuole: portoni aperti dalle 07:30 alle 18 (orario continuato) dal 27 al 31 dicembre e dal 3 al 7 gennaio, giorni di festa esclusi.

    Agli gli alunni saranno garantite attività guidate e aiuto per i compiti delle vacanze, il tutto per un prezzo che oscilla dai 10 ai 27€ giornalieri, a seconda della fascia di reddito, più eventuali 5€ se ci si avvale del servizio mensa, anche se è possibile che il bimbo si porti il pranzo da casa. Il servizio sarà interamente gratuito per le fasce più deboli. Gli istituti scolastici che hanno già aderito all’iniziatva sono: il Cadorna di via Dolci e l’istituto comprensivo Sandro Pertini, il Francesco D’Assisi di via Dalmazia, la Direzione Didattica Cesare Battisti di via Palmieri, la scuola Locchi i via Passerini e l’istituto Stoppani, ma sono molte altre le scuole che vorrebbero pertecipare.

    “Stiamo esaminando altre domande, circa una decina – spiega Patrizio Mercadante, dirigente della sezione Scuole del Comune – Sei sono quelle che finora hanno avuto l’autorizzazione a tenere accesi i riscaldamenti e aperti alcuni uffici amministrativi”. La data di scadenza per la presentazione delle domande è il 16 dicembre. Per quanto riguarda la gestione della attività proposte durante i giorni di vacanza, alcune scuole si organizzano in proprio (come l’istituto Dolci), altre si avvalgono della collaborazione di alcune cooperative. Che dire… progetti così lodevoli dovrebbero rappresentare un esempio per tutti, e l’auspicio è che molti altri istituti scolastici dei maggiori comuni italiani seguano a ruota l’iniziativa milanese.