Sanremo 2011, la Clerici apre con sua figlia

Antonella Clerici ha portato la sua bambina a Sanremo, facendole una grande dichiarazione d'amore in Eurovisione. Non sono mancate le critiche.

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 16 febbraio 2011

Sanremo 2011, la Clerici apre con sua figlia

Perché Sanremo è Sanremo. L’anno scorso Antonella Clerici ci ha regalato davvero un bel festival, fatto di tante donne e soprattutto di tante mamme. Quest’anno ha passato il testimone a Gianni Morandi, con un suo contributo davvero speciale. Si è presentata sul palco dell’Ariston con sua figlia Maelle, due anni. Occhi castani enormi e sguardo un po’ spaventato. La bimba è stata in braccio alla mamma e poi seduta con lei sui gradini del palcoscenico, mentre Antonellina nazionale ha raccontato la sua storia di conduttrice, ma soprattutto di mamma.

La prima volta che ha condotto il festival, sei anni fa, lei non c’era ancora, ma è stato proprio l’amico Paolo Bonolis, durante il Sanremo 2009, a collegarsi telefonicamente con la clinica dove era avvenuto il parto e annunciare la nascita di Maelle, avuta a più di 40 anni.

Forse esibire la bambina davanti al mondo non è stata la scelta più felice di Antonella Clerici, almeno oggi, queste sono le critiche che le vengono mosse. Il motivo è proprio la timidezza che questa piccola (bellissima) bambina ha dimostrato. Ho trovato comunque che fosse un momento dolce e di rispetto.

Sono state belle le parole della mamma, più che della conduttrice: “Tutto il mio successo non è niente se tu non ci fossi stata. Allora siccome a te devo tanto, vorrei, visto che siamo sul palco di Sanremo, dedicarti a parole una canzone di Jovanotti come se fosse una poesia: A te che sei il mio grande amore e di il mio amore grande, a te che ha preso la mia vita e ne hai fatto molto di più, a te che hai dato senso al tempo senza misurarlo, a te che sei semplicemente sei sostanza dei giorni miei”. Credo che Maelle da grande, avrà davvero una dichiarazone d’amore fantastica, da conservare.