Salute bambini: può dipendere dall’alimentazione dei padri

da , il

    Salute bambini: può dipendere dall’alimentazione dei padri

    La salute dei bambini è in certa misura influenzata dall’alimentazione dei loro papà prima del concepimento. Ovvero, in altri e più spiritosi termini: le colpe (gastronomiche) dei padri ricadono sui figli, oltre che su loro stessi, naturalmente. Incredibile ma vero, a trovare una correlazione tra abitudini alimentari paterne e probabilità maggiori o minori dei figli di sviluppare patologie cardiache o malattie come il diabete, è stato uno studio condotto dai ricercatori della University of Massachussets Medical School.

    Effettuando degli esperimenti alimentari sui topi maschi, suddivisi in due gruppi, il primo a regime equilibrato, il secondo sottoposto dieta ipoproteica, si è riusciti ad evidenziare come un’alimentazione scorretta avesse delle ripercussioni sulla prole. I topolini che avevano mangiato cibi a più basso tasso proteico, infatti, hanno concepito discendenti che mostravano un aumento evidente dei geni responsabili della sintesi lipidica e del colesterolo. Profilo genetico ben diverso per i topini figli di padri alimentati in modo più salutare.

    Le madri, invece, erano state nutrite tutte con cibi standard ed equilibrati. Questo tipo di ricerca, si inserisce in un’area di studi chiamata “epigenetica”, che si occupa di indagare gli effetti che l’ambiente e le abitudini di vita dei genitori abbiano sul codice genetico dei figli, per via ereditaria. In pratica, una cattiva alimentazione sortisce delle alterazioni genetiche che poi si trasmettono anche ai propri bambini, aumentando la loro predisposizione a malattie dell’apparato cardiocircolatorio e al diabete.

    “Sapere cosa facessero i genitori prima che si venisse concepiti può essere una svolta per determinare di quali fattori di rischio si può essere portatori”, ha spiegato Oliver Rando, coordinatore del team di studiosi. Tutti i risultati di questa sperimentazione sono stati pubblicati sulla rivista Cell.