Salute bambini, mamme italiane promosse sui rischi dell’influenza

Le mamme sono molto informate sui rischi e sulle cure adatte all'influenza, malati tipica di stagione che colpisce in modo particolare la fascia pediatrica. Ecco quanto emerso da uno studio sip.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 17 gennaio 2012

Salute bambini, mamme italiane promosse sui rischi dell’influenza

Le mamme sono sempre più preparate sulla salute dei bambini e lo ha dimostrato una nuova indagine condotta dalla Società Italiana di Pediatria (Sip). Il tema d’esame sono stati i rischi dell’influenza. In questo periodo, come abbiamo detto ieri, molti piccoli sono a casa con tosse e febbre. È importante quindi saper affrontare questi problemi con lucidità. Quasi la metà delle mamme intervistate ha dichiarato che l’influenza è una patologia altamente trasmissibile.

Il dato è molto importante perché dimostra la consapevolezza delle mamme di non sottovalutare anche il più piccolo problemino di salute. Ma c’è di più. Il 60% identifica correttamente nei bambini sotto i 4 anni la fascia più colpita, mentre il 63% è consapevole che nelle forme più gravi può anche servire il ricovero in ospedale.

Il 54% delle mamme è favorevole al vaccino, se consigliata dal pediatra. Alberto E. Tozzi, responsabile scientifico per la comunicazione della Sip, ha dichiarato: “Il pediatra rappresenta la figura di riferimento per le famiglie in fatto di decisioni riguardo le vaccinazioni”.

La fascia pediatrica (0-14 anni) è quella più colpita dall’influenza, ma in Italia non esiste ancora una strategia di vaccinazione a tappeto: sono stati vaccinati solo il 6% dei bambini di età inferiore ai 5 anni. “Finora le evidenze riguardo l’efficacia della vaccinazione influenzale in età pediatrica non sono state sufficienti a giustificare un’offerta universale della vaccinazione stessa”.