Salute bambini, abitare vicini alle centrali mette a doppio rischio leucemia i piccoli

da , il

    Salute bambini, abitare vicini alle centrali mette a doppio rischio leucemia i piccoli

    Si parla spesso della salute dei bambini e una nuova ricerca ha messo in luce una situazione davvero molto preoccupante. Il rischio che i piccoli corrono di ammalarsi di leucemia è doppio se abitano nei pressi di centrali nucleari. Questo dato, elaborato tra il 2002 e il 2007, arriva dalla Francia ed ha fatto il giro dei mass media nazionali perché elaborato da una fonte davvero molto autorevole: il Centro di ricerche in epidemiologia e salute delle popolazioni (Inserm) in collaborazione con l’Istituto di radioprotezione e di sicurezza nucleare (Irsn).

    Stando alla ricerca, in 5 anni, sono stati registrati 14 casi di leucemia in bambini con meno di 15 anni. Tutti vivevano in un raggio di almeno 5 km intorno alle 19 centrali nucleari distribuite sul territorio nazionale. Capite bene che non può essere un caso.

    La cosa che più spaventa è il dato nazionale. In Francia, in situazioni normali (ovvero in cui si escludono cause ambientali) sono stati diagnosticati 7,4 casi di leucemia, esattamente la metà di quelli contati in prossimità delle centrali. Che ne dite di questo parametro? Ora gli esperti stanno cercando di capire come sia possibile tutto questo: si dice sempre che questi impianti siano molto sicuri e non mettano a rischio la salute delle persone, se vengono seguiti tutti i parametri stabiliti per legge.

    È anche vero che è difficile capire come certe dinamiche possano essere dannose e i Giapponesi lo sanno bene, vista la situazione attuale. In Francia, le radiazioni emesse dagli stabilimenti nucleari sono deboli e non bastano a spiegare un tale dato di leucemie. I ricercatori hanno chiesto alle famiglie di trasferirsi, almeno finché non verranno capite le cause.