Rapporto tra mamma e neonato è merito dell’ossitocina

da , il

    I primi attimi sono fondamentali e ovviamente i giorni successivi. Quando una mamma prende in braccio il proprio bambino deve creare un rapporto particolare: alcune volte nasce spontaneo, in altri casi invece c’è bisogno di un po’ più di lavoro. Ecco perché tante scelgono il rooming-in. Ci sono tanti motivi: lo stress, la paura di sbagliare, un po’ di tensione… in alcuni casi purtroppo un principio di depressione. Tra i vari fattori che legano maggiormente mamma e bambino a quanto pare c’è anche un ormone: la solita ossitocina. Sembra sia responsabile del sentimento che la mamma prova nei confronti del bambino.

    La presenza in grande quantità favorisce l’amore della mamma, motivo per cui il papà fa un po’ più di fatica. I compiti principali dell’ossitocina sono due: la stimolazione del travaglio e l’allattamento. I ricercati hanno analizzato quanto questo ormone influisca sul legame.

    Dopo questo studio, condotto dai medici del Mount Sinai Medical Center , si è compreso quale sia il un ruolo sociale dell’ossitocina, ovvero quello di facilitare il riconoscimento di volti che piacciono e il riuscire a distinguerli da quelli che non piacciono. Per capirci: promuove e stimola la memoria. Ecco quindi che quando la mamma abbraccia il suo bimbo, c’è un immediato riconoscimento.