Quinto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

Scopriamo tutto quello che devi sapere sul quinto mese del neonato: dallo svezzamento, che avviene fra il quarto e il sesto mese, ai vaccini obbligatori, dal sonno ai disturbi tipici di questa età. Ecco tutto quello che c'è da sapere sui bambini con cinque mesi di vita.

Pubblicato da Laura De Rosa Lunedì 14 agosto 2017

Quinto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

Cosa succede al quinto mese del neonato? Ecco tutto quello che devi sapere. Il bambino inizia a essere sempre più attivo e l’interazione con il mondo esterno cresce a dismisura. E’ anche il momento di eseguire la seconda dose di vaccinazioni per i bambini e di fare il cosiddetto bilancio di salute dal pediatra, per verificare che la crescita proceda in modo regolare. Al quinto mese il carattere del bebè comincia a farsi notare mentre per quanto riguarda i disturbi tipici, ve ne sono di nuovi rispetto ai primissimi mesi. E’ anche tempo di svezzamento.

Sviluppo del neonato a 5 mesi

Lo sviluppo psicomotorio del neonato a 5 mesi è evidente: il bambino sa stare seduto e osserva il mondo circostante, grazie ai muscoli sempre più tonici riesce a controllare il capo e a stare in posizione eretta con la testa ferma.

E’ anche la fase in cui comincia a conoscere il proprio corpo toccando per esempio i piedini. Percepisce ormai bene i suoni e riesce anche a localizzarli. E’ probabile che inizi a lanciare i giochi per divertimento. A 5 mesi si comincia anche a capire qual è il carattere del bebè osservando i suoi comportamenti. Insomma, i progressi sono notevoli.

Qual è il peso del neonato a 5 mesi? Per i maschietti di solito è di circa 7600 gr, con un massimo di 9200 gr; nelle bambine si aggira intorno ai 7000 gr con un massimo di 8500 gr.

La lunghezza del neonato a 5 mesi è di circa 65 cm nei maschietti e di 63,90 cm nelle femminucce.

Se il proprio bambino non rientra in questi parametri non c’è da preoccuparsi e basta consultare il pediatra per assicurarsi che tutto vada bene.

Bilancio di salute del neonato

Tra i 4 e i 5 mesi il neonato deve fare il bilancio di salute dal pediatra, durante il quale si osserva il peso, l’armonia tra valori della lunghezza e del peso, si eeseguono inoltre l’auscultazione del torace, l’esame del capo, degli arti e del collo, la palpazione dell’addome.

Il pediatra una volta conclusa la visita informa i genitori sulle condizioni di salute e sviluppo del bambino.

Vaccinazioni a 5 mesi

Al quinto mese di vita bisogna eseguire la seconda dose di vaccinazioni, che sono le stesse della prima seduta. Quelle obbligatorie comprendono: antipoliomielite di tipo Salk, antidifterica, antitetanica e antiepatite B.

Anche in questo caso è opportuno rimandare se il bambino è ammalato. Invece per quanto riguarda gli effetti indesiderati, ve ne sono pochissimi, e includono sempre lieve febbre, spossatezza, sonnolenza e via dicendo.

Disturbi del neonato a 5 mesi

A 5 mesi possono presentarsi nuovi disturbi, per esempio l’ernia ombelicale che è un rigonfiamento vicino all’ombelico dovuto alla protuberanza di un’ansia intestinale. Questo accade se la cicatrizzazione del moncone ombelicale non è avvenuta totalmente nei primi giorni di vita.

Nella maggioranza dei casi è meglio lasciare che l’ernia si risolva spontaneamente perché scompare, di solito, entro i 2-3 anni di vita. In alcuni rari casi può essere necessario intervenire chirurgicamente. Invece vanno evitati i rimedi fai da te.

Un altro disturbo frequente a 5 mesi è la diarrea, una o più volte al giorno. Le cause sono numerose: nei lattanti generalmente vanno attribuite a virus gastrointestinali o respiratori. Di fatto la diarrea non è pericolosa salvo per la perdita di liquidi e sali minerali che comporta. Ecco perché è importante far bere molto il bambino e consultare al più presto il pediatra per reintegrare i sali minerali persi evitando il rischio disidratazione.

Ad ogni modo attaccare il bambino al seno è sicuramente importante per reintegrare acqua e sali minerali mentre nel caso in cui sia allattato al biberon, sarà opportuno offrirgli qualche preparato reidratante su consiglio del pediatra.

Alimentazione del neonato a 5 mesi

Quanti pasti deve fare il neonato di 5 mesi e cosa può mangiare? Dal quarto al sesto mese è tempo di svezzamento, si possono quindi introdurre i primi alimenti solidi.

I cibi consigliati a partire dal quinto mese sono i seguenti:

  • Brodo vegetale e verdure passate del brodo.
  • Cereali senza glutine se lo svezzamento è iniziato già da una quindicina di giorni.
  • Liofilizzati di agnello, vitello, manzo, tacchino e coniglio.
  • Mela e pera omogeneizzate.

Il neonato per il momento deve però prendere anche il latte, tenendo presente che di solito dovrà fare 4 pasti al giorno, assumendo 200 ml di latte a poppata.

Quanto dorme il neonato a 5 mesi

Durante il quinto mese il neonato generalmente dorme tutta la notte e di giorno fa due pisolini, al mattino e dopo pranzo. E’ bene seguire una routine per abituarlo ad addormentarsi da solo, nel suo lettino. Per esempio si può fare il bagnetto, raccontargli una storia e poi metterlo subito a nanna.

Giochi per il neonato di 5 mesi

A 5 mesi il neonato è capaca di interagire con il mondo esterno e pertanto si diverte giocando. Fatelo familiarizzare con i cucchiaini improvvisando dei giochi, che lo aiuteranno anche a imparare a mangiare con la posata.

Utili e divertenti in questo periodo gli anelli da dentizione, che procurano da un lato sollievo alle gengive, dall’altro diventano un gioco divertente.

Immancabili i peluche, che si possono offrire al neonato già prima dei 5 mesi, i quali spesso diventano un oggetto rassicurante per il bambino, ma è bene che siano loro a scegliere quello preferito.