Progetto cicogna, per aiutare le donne straniere in gravidanza

Le donne straniere oggi possono appoggiarsi al progetto cicogna se aspettano un bambino e hanno bisogno di assistenza anche legale.

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 9 luglio 2011

Progetto cicogna, per aiutare le donne straniere in gravidanza

La gravidanza è un momento delicato per tutte le donne. Il progetto cicogna è nato per aiutare le signore straniere. Questa nuova campagna ha l’obiettivo di far conoscere alle ragazze che arrivano da altri paesi quali sono i loro diritti (per esempio come ottenere velocemente il permesso di soggiorno) e come fare in modo che vengano rispettati. Partecipano al progetto gli ospedali, le Asl, ma anche i consultori. Inoltre, da lunedì 18 sarà attivo il servizio direttamente online, attraverso il sito internet www.progettocicogna.it.

La questura di Milano ha commentato: “La gravidanza è una condizione fisiologica che deve essere tutelata sia dal punto di vista giuridico che sanitario, all’interno della quale devono trovare piena realizzazione non solo il diritto alla procreazione, in libertà e autonomia, ma anche tutti i diritti inviolabili riconosciuti, a ogni persona, dalla Costituzione Italiana e dalla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali”.