Prima gravidanza: l’età media si è spostata di 4 anni

La prima gravidanza per le donne italiane arriva quattro anni dopo rispetto a 10 anni fa. Questo è il sintomo di un cambiamento sociale.

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 14 ottobre 2010

Prima gravidanza: l’età media si è spostata di 4 anni

Qualche giorno fa vi abbiamo dato una notizia incredibile. Una donna di 54 anni, l’età che per la maggior parte delle signore è quella della menopausa, ha avuto un bambino. Per questo motivo colgo l’occasione per passare qualche dato sull’età delle neo mamme. Negli ultimi 10 anni l’età media delle donne al primo parto è passata da 25 a 29 anni e i motivi sono da ricercarsi, in parte, all’impegno lavorativo ma anche in un processo definito di “superficializzazione” delle donne che vivono la gravidanza con molta ansia, come se non fosse un passaggio naturale, fisiologico, ma con il timer.

Questa almeno è la tesi dall’antropologo Paolo Cianconi, nel corso di un convegno dedicato al tema del parto tra le donne straniere, organizzato dall’Ospedale Sandro Pertini di Roma. Il rapporto sulle nascite nel Lazio del 2008 dell’Agenzia di Sanità pubblica conferma quanto raccontato dall’esperto.

Le donne con un’età al parto superiore a 34 anni rappresentavano nel 1980 circa il 10%, mentre nel 2008 erano il 34% del totale. A bilanciare questo elemento la riduzione delle nascite di bambini di donne sotto i 20 anni, passate dal 5% nel 1982 a 1,4% nel 2008.

Allo stesso tempo, secondo i dati, è aumentata la quota di donne che partoriscono il primo figlio a 30 o più anni. Erano il 17% nel 1984 e sono arrivate al 62% nel 2008. Questo spostamento in avanti dell’età, secondo Cianconi, va interpretato come ”un’ansia ad orologeria” che le donne hanno nei confronti della gravidanza. È strano e per quanto mi riguarda (opinione intima e personale) è vero, quest’ansia esiste. Voi cosa ne pensate? È come se a una certa età ci fosse un interruttore che spinge a procreare.