Prepararsi al parto: tecniche e metodi

Ecco le tecniche più efficaci per prepararsi al parto: respirazione, yoga e corsi… L’importante è non presentarsi mai impreparate perché l’epidurale non sempre si può somministrare, anche se ne avete fatto richiesta.

Pubblicato da Francesca Bottini Martedì 17 agosto 2010

Partorire fa un po’ paura e le donne non dovrebbero certo vergognarsi di ammetterlo: sembra quasi che “la buona madre” non debba avere paura del dolore e ci sono persone che disapprovano la scelta più che legittima di una futura mamma di ricorrere all’analgesia epidurale per soffrire di meno. Credo che ogni donna abbia il diritto di scegliere per se stessa senza dover sottostare ai giudizi morali di nessuno. Ci sono però dei casi in cui l’epidurale non si può praticare: per questo dovete essere pronte a tutto, perché durante il parto non si sa mai quello che può succedere!

Per prima cosa vi consiglio di iscrivervi ad un corso pre-parto: in questo modo potrete apprendere tutte le tecniche più usate di rilassamento ed essere pronte a qualsiasi evenienza. Al corso potrete anche confrontarvi con molte donne nella vostra situazione e scambiarvi opinioni e condividere le paure.

La respirazione è fondamentale: sarete stufe di sentirvelo dire ma è proprio vero. Saper respirare bene riesce a diminuire il dolore e calibrare meglio la forza per il momento del parto. Se non volete seguire un corso pre parto classico sappiate che ce ne sono molti basati anche solo sulla respirazione.

Molte donne ricorrono invece a corsi di yoga specifici per le future mamme che dovranno partorire: si tratta solo di imparare le posizioni più semplici e che diminuiscono il dolore e la respirazione più corretta per affrontare le contrazioni.

La cosa importante è comunque essere seguite da personale esperto ma soprattutto non presentarsi in sala parto impreparate e sicure di poter avere l’analgesia: anche se l’avete prenotata non è detto che possiate farla. Ci sono donne infatti che arrivano in ospedale troppo tardi, nel momento in cui l’epidurale non è più praticabile.