Per una corretta alimentazione dei bambini, Mc Donald’s inserisce più frutta nell’Happy Meal

Anche in America arriva una svolta salutista: per una corretta alimentazione dei bambini, Mc Donald's inserisce più frutta nell'Happy Meal riducendo invece la quantità di patatine.

Pubblicato da Francesca Bottini Giovedì 28 luglio 2011

Per una corretta alimentazione dei bambini, Mc Donald’s inserisce più frutta nell’Happy Meal

Ormai se no sono resi conto tutti: per la crescita dei bambini, la cosa fondamentale è una corretta alimentazione. E così anche Mc Donald’s, colosso del junk food, apre ad una svolta salutista, inserendo più frutta nell’Happy Meal e dimezzando la porzione di patatine fritte in esso contenute. Anche la first lady americana Michelle Obama ha pubblicamente lodato l’iniziativa: ricordiamo che Michelle ha iniziato una vera e propria battaglia contro l’obesità infantile, che in America è una vera piaga sociale.

“Un passo positivo per risolvere il problema dell’obesità infantile” , ha commentato la first lady. Da settembre quindi i bambini troveranno nell’Happy meal meno patatine fritte e più frutta, sempre allo stesso prezzo e sempre con i regalini che tanto li invogliano ad acquistare questo piatto: in questo modo si diminuirà anche la quantità di sodio e grassi saturi del pasto.

“Ho sempre detto – dice Michelle – che tutti devono fare la loro parte nel fare dell’America un paese più sano. E questo di Mc Donald’s è un passo avanti positivo. Intende migliorare il suo menu e non vedo l’ora di avere notizie sugli effetti di questa scelta, anche sei i nostri sforzi dovranno continuare ancora per anni”.

La tendenza salutista di Michelle, sta comunque contagiando moltissime catene della grande distribuzione: pensate che anche la catena di grandi magazzini più grande d’America, la Walmart nei prossimi cinque anni aprirà oltre 1500 punti vendita in luoghi dove ancora non esiste il concetto del “mangiare sano”.