Pediatra di famiglia ed assistenza sanitaria: cosa c’è da sapere

Il pediatra di famiglia ed in SSN: ecco alcune norme di base per poter effettuare la scelta presso la Asl e capire come muoversi in caso di emergenza pediatrica.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Giovedì 16 settembre 2010

Il pediatra di famiglia, o di base, è lo specialista del SSN (Servizio Sanitario Nazionale) che si occupa dei bambini dalla loro nascita fino ai 14 anni. Il suo ambulatorio in genere deve essere aperto almeno 5 giorni a settimana, esattamente come quello del medico di base per gli adulti. Vi abbiamo già dato dei consigli su come scegliere lo specialista per il vostro bimbo e ci riferivamo sia all’opzione del privato che del pediatra di famiglia. In questo caso però bisogna adeguarsi ad alcune norme e trafile amministrative, semplici. Come sapete, appena il vostro cucciolo sarà nato, dovrete entrare in possesso della tessera sanitaria con il suo codice fiscale.

In possesso di questi dati occorre presentarsi alla propria asl di competenza presso l’ufficio che si occupa dell’assegnazione o del cambio dei medici. Qui si compila un modulo di autocertificazione e si segnala la scelta del medico, tra quelli iscritti nella lista a disposizione, e che voi avrete già selezionato secondo i criteri di cui sopra!

L’unico problema è la disponibilità dei posti: esiste cioè un numero limite di pazienti che possono essere assegnati ad un determinato pediatra. Tenete presente questo, quando farete la vostra selezione, a meno che voi non abbiate altri figli seguiti dallo stesso medico. In questo caso, la scelta è possibile.

In genere, alla Asl con la lista dei medici trovate anche i loro recapiti telefonici, l’indirizzo e gli orari di apertura dell’ambulatorio.

Per qualunque emergenza fuori da questi orari, oltre il servizio del 118 ed il Pronto Soccorso per i casi più seri, esiste la Guardia Medica: in funzione tutte le notti dalle ore 20,00 alle ore 8,00 del mattino successivo; il sabato e nei prefestivi dalle ore 10,00; la domenica e nei giorni festivi dalle ore 8,00. Tenete a portata di mano il numero telefonico e l’indirizzo.

Tutte queste norme hanno carattere generale e a seconda della Regione in cui vivete, possono esserci dei cambiamenti. Informatevi per tempo. Come vedete care amiche mamme, il Ssn offre un’assistenza continua in caso di emergenza, ma non preoccupatevi: saranno rare le occasioni in cui ne avrete necessità.

Piuttosto, nei primi mesi ed anni di vita dei vostri figli, portateli a fare i regolari controlli della crescita, e rispettate le indicazioni sull’ eventuale utilizzo dei farmaci, non fate di testa vostra!