Pasqua: le poesie per i bambini

A Pasqua ci sono tante poesie per bambini che i più piccoli possono imparare a memoria e recitare con soddisfazione durante il pranzo della domenica. Le poesie di Pasqua sono perfette per rendere ancora più speciali i lavoretti e le decorazioni pasquali con cui si coinvolgono i bambini, prima e durante le vacanze di Pasqua. Ecco le poesie e le filastrocche più belle, adatte a bambini di tutte le età.

da , il

    Pasqua: le poesie per i bambini

    Imparare le poesie di Pasqua o trascriverle nel proprio biglietto di auguri, è una delle attività più divertenti da proporre ai bambini in previsione di questa festa così importante. I lavoretti di Pasqua e i bigliettini di auguri fai da te potranno essere personalizzati con alcune poesie di Pasqua per bambini e tutti, anche i più piccoli, potranno cimentarsi nell’imparare a memoria le poesie di Pasqua più brevi, per recitarle davanti a tutta la famiglia durante il pranzo di Pasqua. Le poesie e filastrocche di Pasqua che i più piccoli possono imparare facilmente sono molte, alcune scritte da autori celebri come ad esempio le poesie di Pasqua di Gianni Rodari, altre invece tramandate dalla tradizione popolare. Ecco alcune delle poesie pasquali più belle che piaceranno sia ai bambini della scuola dell’infanzia che a quelli più grandi della scuola primaria.

    Poesie di Pasqua per la scuola dell’infanzia

    Nell’uovo di Pasqua

    Nell’uovo di Pasqua che mai ci sarà? / C’è forse nascosta la felicità? / Apritelo piano se no, la per là, / la dolce sorpresa scappare potrà.

    La sorpresa

    Son di zucchero? / Son vere? / Hanno il tuorlo / o la sorpresa? / Zitti zitti miei bambini, / che ci son dentro i pulcini. / Spunta un becco / poi un ciuffetto / una zampina / una codina. / Quanti! /E in quell’uovo / cosa c’è? / La sorpresa, la sorpresa! / Non ci credi? Sì davvero! /Un pulcino tutto nero!

    L’uovo di cioccolato

    Dentro un uovo di buon cioccolato / Vorrei tanto ci fosse una cosa… / Non un puffo, un anello, un soldato, /ma un momento di festa gioiosa.

    Poesie per Pasqua per la scuola primaria

    Alto svetta il campanile

    Sotto un cielo primaverile / Poi scampana allegramente / Per avvisare tutta la gente / Che c’è festa in tutto il mondo / Fin nel mare più profondo / Forte suona la campana / Nella valle più lontana / Per portare in ogni cuore / La certezza dell’amore.

    E’ Pasqua!

    Sul mandorlo in fiore. / Il vento d’Aprile / sussurra gentile / la prima parola d’amore. / E’ Pasqua! / Con garrulo grido, / signora dell’aria / la rondine svaria / cercando la fronda e il nido. / E’ Pasqua! / Tra candidi veli / di nubi, giocando / trasluce sul mondo / lo smalto azzurrino dei cieli. / E’ Pasqua! / Nei cuori sublime / con Cristo risorto, /rinasce il conforto / che esalta, soccorre, redime.

    Filastrocche religiose per bambini

    E’ Pasqua

    E’ Pasqua / E’ Risorto Gesù / per portare la Pace, / la Gioia / nei cuori oscuri e assetati d’Amore.

    Poesie per Pasqua della tradizione popolare

    Filastrocca abruzzese

    Pasqua dolce, Pasqua santa, / tu che sai di primavera, / non lo senti? E’ il cuor che canta, / ti rivolge una preghiera: / tanta gioia e prosperità / a chi ha fede e crederà.

    Poesie sulla Pasqua di autori famosi

    Primavera di Giosuè Carducci

    Da i verdi umidi margini / La violetta odora, / ol mandorlo s’infiora / trillan gli uccelli a vol.

    Momento di Wei Li Bo

    Rampicanti in fiore / Giocano col vento / Primaverile. / Rondini si dondolano / Nell’aria serale.

    Primavera brilla nell’aria di Giacomo Leopardi

    Primavera d’intorno / Brilla nell’aria, e per li campi esulta, / sì che a mirarla intenerisce il core. / Odi greggi belar, muggire armenti; / gli altri augelli, contenti, a gara insieme, / per lo libero ciel fan mille giri, / pur festeggiando il loro tempo migliore.

    E’ Pasqua di Roberto Piumini

    Alla Pasqua / Dell’anno passato / Un palloncino / Mi era scappato. / Mi era scappato / Nell’alto del cielo, / Io lo guardavo / E piangevo piangevo. / Anche quest’anno / Un pallone è volato / Ma io ho riso / Felice e beato. / Il palloncino / E’ andato lassù / Ma io quest’anno / Non piango più.

    E’ dolce primavera di Virgilio

    Alla selve, alle foglie dei boschi è dolce primavera; /a primavera gonfia la terra avida di semi. / Allora il Cielo, padre onnipotente, scende / Con piogge fertili / E accende ogni suo germe. Gli arbusti risuonano / Del canto degli uccelli, i prati rinverdiscono. / E i campi si aprono: si sparge la tenera acqua; / ora al nuovo sole si affidano i nuovi germogli.

    Sera d’aprile di Antonia Pozzi

    Batte la luna soavemente / Di là dai vetri / Sul mio vaso di primule: / senza vederla la penso / come una grande primula anch’essa / stupita / sola /nel prato azzurro del cielo.

    E’ Pasqua di Silvio Dionigi

    Sembra che insieme a Dio resuscitato / in Noi torni la Pace un dì sparita / nel triste andare del sentiero usato. / E torna ancora la speranza a vita / d’essere sempre buoni, sempre bravi / a casa, negli uffici e nella vita. / Nei campi vedi fior, vedi le rose / rendere belle tutte le altre cose; / Si sente il cinguettio d’uccelli in festa / che l’usignolo, in canto, hanno alla testa. / Perciò, con la speranza di ben fare, / io Vi saluto e Vi ringrazio tutti / e Buona Pasqua Vi voglio augurare / Prima, però , V’abbraccio fortemente / insieme ai Vostri cari e ad ogni gente / ricordandovi sempre nella mia mente.

    Poesie di Pasqua di Gianni Rodari

    Il pulcino marziano di Gianni Rodari

    Ho visto, a Pasqua, sbarcare / dall’uovo di cioccolato un pulcino marziano. /Di certo il comandante / di quell’uovo volante / di zucchero e cacao / con la zampa ha fatto ciao. /E il gatto, per la sorpresa, / non ha detto neanche: “Miao”.