Metodo Billings: la tabella e come funziona

Conosciuto anche come metodo del muco cervicale, il Metodo Billings si basa sull'osservazione del muco prodotto dalle ghiandole del collo dell'utero ed è uno dei metodi contraccettivi naturali utilizzati dalle donne di tutto il mondo e conforme agli insegnamenti della Chiesa cattolica. Il Metodo Billings è quindi uno strumento utile sia per le donne che vogliono proteggersi da una gravidanza indesiderata, sia per vuole rimanere incinta.

Pubblicato da Anna Franceschi Martedì 16 maggio 2017

Metodo Billings: la tabella e come funziona

Se stai cercando una gravidanza dovresti proprio conoscere la tabella e come funziona il metodo Billings. Si tratta di un sistema di contraccezione naturale che si basa sull’osservazione e interpretazione del muco cervicale per il riconoscimento del periodo fertile, non fertile e di massima fertilità. Il metodo Billings va utilizzato seguendo una tabella fertilità da consultare per sapere quando è possibile concepire, o all’opposto, quando poter essere sicuri di avere rapporti sessuali senza il timore di una gravidanza. Conosciamo meglio questa metodologia contraccettiva naturale con la quale la donna impara a riconoscere i suoi periodi fertili per rimanere incinta o per evitare i rapporti non protetti nel caso non sia alla ricerca di una gravidanza.

Cos’è il metodo Billings

Messo a punto dai coniugi Billings, due medici australiani, il cosiddetto metodo Billings è uno dei metodi naturali che si basa sull’osservazione di alcuni “sintomi” all’interno del mese del ciclo mestruale per individuare i giorni fertili di una donna, quando è in sostanza avvenuta l’ovulazione. Quando viene combinato con altri metodi di calcolo ovulatorio, risulta molto efficace per rimanere incinta facilmente: ad esempio, con il metodo della temperatura basale, che potete approfondire nel nostro articolo dedicato.

Il metodo Billings è, insieme a quello delle temperatura basale e ad altre osservazioni sintomatiche del ciclo mestruale, alla base del metodo sintotermico per la rilevazione dei giorni fertili; ovviamente può essere utilizzato anche da solo, basandosi sulla sola osservazione del muco cervicale. Scopriamo insieme come funziona il metodo Billings e come sfruttarlo come contraccettivo o al contrario, scopriamo come rimanere incinta velocemente utilizzandolo.

Metodo Billings: come funziona

Il metodo Billings si basa sull’osservazione dei cambiamenti del muco cervicale presente in vagina, prodotto sotto lo stimolo degli estrogeni, che nelle diverse fasi del ciclo varia in quantità e caratteristiche.

Variazioni del muco vaginale durante il ciclo

In base al momento del ciclo mestruale, la consistenza del muco vaginale varia, vediamo come.

  • Dopo le mestruazioni, fase non fertile: il livello degli ormoni estrogeno e progesterone è basso, il muco è spesso e non si vede, l’ambiente vaginale esterno è infatti asciutto al tatto.
  • Pre-ovulazione, inizio della fase fertile

muco cervicale
Muco cervicale della fase fertile

Gli estrogeni modificano la quantità e la consistenza del muco aumentandolo e rendendolo elastico. La donna avvertirà dapprima una sensazione di umidità e poi di bagnato. Il muco trasparente simile alla chiara dell’uovo viene prodotto dal corpo della donna per facilitare la strada agli spermatozoi attraverso la cervice.

  • Giorno dell’ovulazione, fase di massima fertilità: corrisponde al giorno del picco di muco.
  • Post-ovulazione, fase non fertile: il livello di estrogeni diminuisce mentre aumenta il progesterone con una riduzione progressiva del muco.

Le funzioni del muco vaginale

Il muco è una secrezione importante per proteggere l’apparato intimo della donna, ma nel processo del concepimento è infatti un aiuto davvero essenziale visto che le sue funzioni principali sono:

  • proteggere gli spermatozoi dall’acidità vaginale
  • aiutare gli spermatozoi a raggiungere le tube dove si trova l’ovulo da fecondare
  • filtrare e quindi selezionare gli spermatozoi dalla forma migliore

Con il metodo Billings la donna impara quindi a riconoscere il suo periodo fecondo in base alle perdite vaginali di muco: le sensazioni di umido o di secco corrispondono al periodo del ciclo fertile o meno.

La tabella del metodo Billings

tabella metodo billings
La tabella della fertilità secondo il metodo Billings

Il metodo Billings prevede un’accurata osservazione del muco cervicale in relazione al momento del ciclo mensile. Per seguire l’andamento della tabella, e quindi applicare il metodo Billings al proprio ciclo, è bene iniziare osservando il proprio muco (e il proprio ciclo) a partire dalle mestruazioni. Abbiamo quindi riassunto, per ogni donna che volesse usare il metodo di osservazione del muco cervicale, i passaggi fondamentali per leggere la tabella:

  • Mestruazioni: è qui che si deve iniziare a osservare e utilizzare la tabella del metodo Billings, seguendo le caselle rosse.
  • Pre-ovulazione: terminato il flusso mestruale la donna entra nella fase pre-ovulatoria non fertile, che coincide con la sensazione di asciutto e con l’assenza di muco e caratterizzata quindi dalle caselle verdi.
  • Fertilità crescente: quattro giorni prima dell’ovulazione comparirà poi la sensazione di umido a livello vaginale e il muco, segnali che il picco di fertilità si sta avvicinando, di conseguenza le caselle bianche rappresentano i giorni del mese migliori per chi è alla ricerca di una gravidanza, e peggiori se la si vuole evitare.
  • Picco: corrisponde alla sensazione massima di bagnato e di muco abbondante, elastico e trasparente. E’ il giorno che coincide con l’ovulazione.
  • Fertilità decrescente: diminuisce la sensazione di umido lasciando il posto gradualmente all’assenza di muco e a una nuova fase asciutta.
  • Post-ovulazione: i giorni caratterizzati dalle caselle verdi sono quelli non fertili in cui la donna prova una sensazione di asciutto e si possono riprendere i rapporti sessuali, anche non protetti. In questi giorni, infatti, le probabilità di concepimento si riducono drasticamente.

Billings, come analizzare il muco cervicale

L’osservazione dei cambiamenti del muco cervicale che avvengono del ciclo di ogni donna deve essere eseguita nel seguente modo:

  • Prima di tutto, lavarsi le mani accuratamente.
  • A questo punto, inserire l’indice nella vagina per raccogliere il muco.
  • Tenere il muco tra il pollice e l’indice e controllarne consistenza e colore.

Il muco va analizzato prelevandone un campione ogni mattina appena ci si alza, e ciò deve essere fatto durante tutto il ciclo mestruale e soprattutto almeno per tre cicli consecutivi per arrivare a capire il proprio corpo e comprendere le variazioni del proprio muco a seconda del periodo.

Nei primi mesi è consigliabile prendere nota dei cambiamenti del muco annotando le seguenti caratteristiche:

  • la sua presenza o meno;
  • la secchezza o meno a livello vaginale;
  • il suo colore;
  • la sua consistenza;
  • la sua quantità;
  • il suo odore;
  • cosa succede con la prova delle dita.

Segnaliamo che condizioni quali le infezioni vaginali, l’utilizzo di lubrificanti, creme, ovuli, lavande e oli vaginali e la presenza di sperma possono alterare la consistenza del muco.

Metodo Billings come metodo anticoncezionale

I metodi anticoncezionali naturali sono diversi e la loro efficacia è molto varia.
Secondo l’indice di Pearl, lo standard internazionale per valutare l’efficacia di un metodo contraccettivo, il metodo Billings ha un indice di insuccesso che va dall’8% al 15%, poiché il muco potrebbe non dare segni rilevanti di modificazione o subire variazioni.
La quantità di muco può infatti non essere interpretata correttamente perché potrebbe subire alterazioni nelle sue caratteristiche a causa di un’infezione vaginale, all’assunzione di alcuni farmaci, ad alterazioni mestruali o anche al semplice stress.
Questo viene quindi considerato un metodo anticoncezionale da utilizzare solo se si è una coppia stabile e adulta che sia disposta ad accettare un possibile concepimento indesiderato. Inoltre, non trattandosi di un metodo anticoncezionale “di barriera” (come ad esempio il preservativo), va ricordato che non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Nessuno vieta, però, di poter adottare il metodo Billings in contemporanea ad altri metodi contraccettivi per aumentare la loro efficacia:

  • Metodo Billings + coito interrotto, ossia l’interruzione del rapporto sessuale prima dell’eiaculazione;
  • Metodo Billings + contraccettivo barriera come il preservativo maschile o femminile, il diaframma, ecc;
  • Metodo Billings + analisi della temperatura basale + analisi cervice uterina.

Vantaggi del metodo Billings

Il metodo Billings permette di capire quali sono i giorni fertili per evitare, o all’opposto riuscire ad arrivare al concepimento, e rispetto ad altri metodi presenta i seguenti vantaggi:

  • non richiede l’intervento del medico per poterlo utilizzare;
  • non interferisce con le funzioni normali dell’apparato riproduttivo;
  • non richiede l’utilizzo di mezzi chimici o meccanici;
  • permette l’utilizzo di altri metodi naturali;
  • è una forma di contraccezione naturale ammessa dalla Chiesa;
  • non presenta gli effetti indesiderati di alcuni contraccettivi ormonali.

Svantaggi del metodo Billings

Una coppia che non desidera una gravidanza può usare il metodo Billings considerando però questi svantaggi:

  • l’efficacia del metodo Billings non è pari al 100%, come non lo è del resto quella anche degli altri metodi naturali e il suo possibile fallimento potrebbe quindi portare ad un concepimento indesiderato;
  • prima di poterlo utilizzare con tranquillità soprattutto come contraccettivo, la donna deve imparare a conoscere il suo corpo e il suo ciclo, e ciò implica tempo e disciplina;
  • non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili;
  • limita i rapporti di coppia a ristretti periodi durante il mese (astensione per 14-17 giorni ad ogni ciclo);
  • richiede un’ottima conoscenza e padronanza del proprio corpo.