Oppiacei in gravidanza: il bambino rischia disturbi alla vista

In passato si era verificato che danneggi le funzioni cognitive, ma non che invece danneggi l’apparato visivo. I ricercatori sottolineano che questo studio è la prima grande indagine sul modo in cui l'uso di oppiacei durante la gravidanza influenza lo sviluppo della visione nei neonati.

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 3 marzo 2010

Oppiacei in gravidanza: il bambino rischia disturbi alla vista

Ho messo una fotografia di una ragazza che rompe una sigaretta, non sapevo come rappresentare il tema. In realtà, il problema di cui parliamo oggi non è solo il fumo, ma l’assunzione di oppiacei. Sembra , infatti, che prenderli durante la gravidanza esponga il bambino al rischio di disturbi della vista. In particolare dopo l’assunzione di metadone e altre sostanze oppiacee utilizzate per il controllo della tossicodipendenza e del dolore. È abbastanza normale, anche quando si fa uso di psicofarmaci, cercare una gravidanza dopo aver finito la terapia da un po’ di tempo.

I medici dell’Ospedale Royal Hospital for Sick Children di Yorkhill (Uk) e del Princess Royal Maternity hanno condotto uno studio in cui si è evidenziato come 20 bambini in cura per difetti visivi erano tutti nati da madri che durante la gestazione avevano assunto farmaci a base di oppiacei.

In passato si era verificato che danneggi le funzioni cognitive, ma non che invece danneggi l’apparato visivo. I ricercatori sottolineano che questo studio è la prima grande indagine sul modo in cui l’uso di oppiacei durante la gravidanza influenza lo sviluppo della visione nei neonati.