Non ti scordar di me, la nuova iniziativa per le donne con la Sindrome dell’Ovaio Policistico

Il Fondo Edo Tempia ha messo a disposizione la propria struttura per la realizzazione del progetto “Non ti scordar di me” che permette alle donne di effettuare visite gratuite e colloqui psicologici, ovviamente su prenotazione (chiamare 346- 3197076 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18).

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 19 aprile 2010

Sono tante le donne con questo disturbo, alcune non lo sanno credono di avere solo le mestruazioni un po’ scombinate, altre invece sono consapevoli e si stanno curando. La Sindrome dell’Ovaio Policistico è molto comune e colpisce le donne fin da giovanissime. Stavolta vi dico che parlo per esperienza perché so bene di cosa stiamo parlando. Il ciclo vi viene in modo irregolare e magari passano molti giorni, più del normale, le mestruazioni durano tanto e magari sono anche abbondanti. Sono solo alcuni dei sintomi e vi conviene andare sempre dal ginecologo.
Poi ci sono degli indicatori, poco piacevoli e anche imbarazzanti, come l’ irsutismo, l’ acne, alopecia, l’amenorrea o obesità. Come vedete è davvero un disturbo che può portare tanti problemi. Per questo vi consiglio di aderire all’iniziativa “Non ti scordar di me”.

Il Fondo Edo Tempia di Biella ha messo a disposizione la propria struttura per la realizzazione del progetto “Non ti scordar di me” che permette alle donne di effettuare visite gratuite e colloqui psicologici, ovviamente su prenotazione (chiamare 346- 3197076 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18).

Foto tratte da
lastampa.it/
uthscsa.edu