Ninna nanna: ecco quelle dialettali

Paese che vai, ninna nanna che trovi. Oggi vi voglio presentare una piccola selezione delle ninne nanne regionali più famose e tradizionali. Ce ne sono infatti alcune conosciute da tutti e altre che invece sono tipiche di alcune regioni d’Italia.

Pubblicato da Francesca Bottini Mercoledì 7 aprile 2010

Ninna nanna: ecco quelle dialettali

Paese che vai, ninna nanna che trovi. Oggi vi voglio presentare una piccola selezione delle ninne nanne regionali più famose e tradizionali. Ce ne sono infatti alcune conosciute da tutti e altre che invece sono tipiche di alcune regioni d’Italia. Essendo spesso dialettali vi riportiamo anche la traduzione: queste sono le radici delle nostre regione, importantissime da tramandare e non perdere mai.

Trentino
Bel popin
Nina nana bel popin
pien de caca e de pissìn
fa la nana sul cossìn
su ‘n te ‘l pra’ de me cosìn.
Mé cosìn no ‘I vol che bala
perché è mort la so cavala
perché è mort el so bobò
per dispeto balerò.
Traduzione
Ninna nanna bel bamboccio
pieno di cacca e di
pipì fai la nanna sopra il cuscino
su nel prato di mio cugino.
Mio cugino non vuole che io balli
perché la sua cavalla è morta
perché è mortoil suo bove
e io ballerò per dispetto.

Sicilia
Er alavò, er alavò
Er alavò, er alavò.
e, ora veni lu tata tò, alavò,
e ti porta, a lavò,
sita ‘ncarnata, a lavò,
p’arricamariti la tacciata, a lavò.
Er alavò, Sant’Antoninu, alavò,
mittiticillu bonu lu cuscinu, alavò,
er alvo. San Franciscu di Paula, alavò,
purtativillu a la vostra tavula, alavò.
Ci rati a manciari, a lavò,
lu pani e lu pisci, alavò,
torsi lu picciriddu s’addurmisci, alavò.
Traduzione
Er alavò, er alavò,
e ora viene il papa tuo,
e ti porta
seta rosa per ricamarti la tendina (della culla)…
Sant’Antonino,
metteteglielo bene, il cuscino,
San Francesco di Paola,
portatevelo alla vostra tavola.
Dategli da mangiare pane e pesce,
forse il bambino si addormenta.

Calabria
Dormi dormi
Dormi, dormi
dormi Tommaso meu,
dormi contentu
cà chiesta é l’ura,
chisto è lu momentu,
e veni, sonnu,
venpigghiatillu
a ‘stu figghiolo meu piccirillu.
Traduzione
Dormi, dormi, dormi Tommaso mio,
dormi contento questa è l’ora,
questo é il momento,
e vieni, sonno,
vieni prenditelo
questo figlio mio piccolino.