Neonati prematuri, un kit senza aghi per gli esami

I neonati prematuri hanno un nuovo kit per diventare grandi. Le analisi verranno fatte con uno strumento senza aghi: una novità assoluta.

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 20 aprile 2011

Neonati prematuri, un kit senza aghi per gli esami

I neonati prematuri sono davvero piccoli e fragili, non sembrano reali. Uomini in formato ridotto che spesso devono lottare per sopravvivere, per avere il diritto di diventare grandi. Sono bimbi particolarmente sensibili che devono essere trattati con un riguardo in più. Sulla rivista Pediatrics è stata annunciata una nuova tecnica per il prelievo del sangue: un kit senza aghi per i bambini prematuri. Con questo nuovo strumento si potrà formulare con precisione la quantità di farmaci da somministrare in maniera poco invasiva.

Una bella notizia per i bambini, ma anche per i genitori che devono stare accanto i loro cuccioli. Tra l’altra, a seguito dell’aumento dei parti gemellari per il ricorso sempre più numeroso alle fecondazioni in vitro, è cresciuto negli anni il numero di prematuri.

L’80% dei prematuri in terapia intensiva riceve cure non appropriate al peso, ma ”tarate” sul confronto con le dosi calcolate su bambini più grandi e su adulti. I ricercatori della Queen University di Belfast hanno realizzato un sistema per prelievi e test medici più ”soft” ma anche molto più precisa.

Si basa su una puntura senza aghi sul tallone che assicura un minor impatto su questi piccoli pazienti più fragili e vulnerabili. “Questo tipo di test consentirà di ridurre il disagio e cosa ancora più importante garantirà la massima precisione nel calcolo della dose più appropriata di un farmaco per un bambino malato”, afferma il principale autore dello studio, James McElnay.