Neonati, boom di nascite nel 2008

da , il

    Il 2008 è stato un anno sorprendente per la famiglia italiana. Perché secondo un’indagine Istat è considerato l’anno con il boom di nascite. Insomma, 12 mesi dedicati ai bambini e dati parlano molto chiaro: state registrate nelle anagrafi comunali 576.659 nascite, quasi 13.000 in più rispetto alle 563.933 dell’anno precedente. Ma le stime relative all’anno appena trascorso parlano di un nuovo calo attorno alle 7.000 unità. C’è da dire che la crisi è scoppiata proprio nella seconda metà del 2008 e questo può essere un motivo per cui l’anno successivo le nascite sono scese nuovamente.

    In aumento anche i figli di coppie non sposate passati, dal 1995 al 2008, dall’8,1% al 19,6%. E aumentano anche i figli di coppie con almeno un genitore non italiano, che rappresentano il 16,7% del totale.

    L’aumento della fertilità riguarda soltanto le regioni del Centro-Nord: un confronto fra il 1995 e il 2008 vede in testa alla classifica Emilia-Romagna, Toscana e Umbria e in coda Basilicata, Calabria e Molise. Quanto al numero medio di figli per donna, nel 2008 l’indice più alto è del Trentino-Alto Adige con 1,60 seguito dalla Val d’Aosta con 1,50.

    Invece sapete quali sono i nomi che vanno per la maggiore? Francesco se è maschietto, Giulia se è femminuccia. Sul podio salgono anche Alessandro e Andrea per i fiocvanchi celesti, Sofia e Martina per i fiocchi rosa.

    Foto tratte da

    Pourfemme.it

    mammenellarete.it/