Marsupio neonato, per portarsi addosso il bebè. E’ il babywearing!

da , il

    Marsupio neonato, per portarsi addosso il bebè. E’ il babywearing!

    La parola è inglese e, secondo me, davvero bellissima: significa, letteralmente, “indossare il bambino”. S’intende, naturalmente, utilizzare apposite fasce e marsupi – in commercio ce ne sono di belli e pratici – per portare in giro il proprio neonato tenendolo a contatto diretto con il proprio corpo. Niente carrozzina o port-enfant, quindi, ma la mamma – o il papà – come mezzo di trasporto. In pratica il bebè, restando attaccato al corpo materno, ricrea, in un certo modo, quel legame fisico che si era protratto per tutti i nove mesi della gestazione, quando mamma e figlio erano un tutt’uno, per poi spezzarsi in modo traumatico durante e dopo il parto.

    Una separazione dolorosa, anche se naturale, il cui effetto, a livello sia fisico che emotivo, può essere contenuto, corretto, attraverso il babywearing. Dal 6 al 12 ottobre prossimi si celebra proprio la settimana internazionale del babywearing, a cui ha aderito anche l’Italia, con una serie di iniziative sparse per lo stivale, volte allo scopo di far conoscere e incoraggiare i neo genitori in questa pratica. Perchè è così importante sensibilizzare le coppie nei confronti del “portare il bambino”, come si traduce in italiano?

    Ce lo spiega la dott.ssa Stucchi, neonatologa presso l’ospedale S. Giuseppe di Milano: “I primi mesi di vita rappresentano il primo contatto diretto con l’esterno. Tutti i sensi vengono fortemente sollecitati e specialmente il tatto“. Il bisogno di sicurezza del bebè, passa, quindi, attraverso la superficie del suo corpicino. Quando il piccolo viene sistemato nella fascia, si “spalma” sulla mamma, sincronizzando la sua respirazione, il battito cardiaco e la temperatura su quella materna e ritrovando quella simbiosi armonica che esisteva nell’utero, in grado di calmarlo e farlo stare bene.

    Ad ulteriore rinforzo dei benefici del babywearing, arrivano da oltreoceano i dati raccolti da una ricerca pubblicata sulla rivista Pediatrics. Statisticamente, infatti, il 43% dei neonati che sono stati “portati” a lungo dalle loro mamme, piange meno, durante il giorno, rispetto ai coetanei non “portati”, e ben il 51% di loro piange meno durante la notte. Inoltre, grazie al babywearing, questi bimbi soffrono meno a causa delle colichette e del reflusso gastroesofageo, e tutto per via delle migliore postura che il marsupio garantisce loro.

    Infine, ultimo – ma non ultimo – la praticità! Spostarsi in città col bimbo nel marsupio è senza dubbio molto più comodo che non usando carrozzine ingombranti, o no? Potrete scegliere tra tanti modelli, allegri e colorati, come quelli vezzosissimi per bambine di Hello Kitty, per un prezzo che varia dai 60 ai 160€ circa. Molti vip, infatti, si sono entusiasticamente votati al babywearing!