Le bambine arrabbiate che urlano contro il sessismo

Pubblicato da Francesca Bottini Mercoledì 5 novembre 2014

Bambine in rivolta contro il sessismo: sta facendo discutere, e ha sollevato un mare di polemiche, il video di FCKH8 (associazione americana specializzata in abbigliamento con messaggi provocatori) che ha come protagoniste delle bambine arrabbiatissime che gridano e imprecano contro il sessismo. Le bambine vestite da principesse sono il simbolo della società che alle ragazzine chiede solo di essere carine ed educate; loro invece vogliono dimostrare di essersi stancate delle etichette di ogni genere, usando anche espressioni forti e parecchie parolacce.

“Cos’è più scioccante?”, dice una delle bambine: “Una ragazzina che dice fuck? O le str…ate sessiste e ingiuste che la società riserva alle ragazze e alle donne?”.

Il messaggio, sicuramente giusto, che voleva veicolare FCKH8, l’associazione che produce, tra le altre, magliette contro il razzismo, la xenofobia, ecologiste e ambientaliste, ha però scatenato le ire di moltissime persone. Le bambine nel video urlano e imprecano, dicendo anche parolacce, e si lamentano delle ingiustizie che devono ogni giorno subire le donne come la difficoltà di fare carriera, gli stipendi più bassi, l’obbligo di essere carine ed educate e la violenza sessuale.

Le bambine citano anche dei dati che dovrebbero fare riflettere come il fatto che le donne vengono in media pagate il 23% in meno degli uomini e che una su cinque ha subito violenza.

“Ci sono parole più scioccanti di fuck”, urlano: “Per esempio paghe diseguali e stupro“. Nel video si vede un bambino vestito anche lui da principessa: “Quando dite ai maschi di non comportarsi come delle ragazze, è perché pensate che sia brutto essere una ragazza” concludono in coro le piccole.