John Travolta papà: è nato Benjamin

da , il

    John Travolta papà: è nato Benjamin

    John Travolta papà per la terza volta! Il 23 novembre, infatti, è nato Benjamin, in concomitanza con la Festa del Ringraziamento, una ricorrenza molto sentita dagli americani. La moglie di Travolta, la bellissima attrice Kelly Preston, ha partorito in un ospedale della Florida, non sappiamo se in modo naturale o tramite taglio cesareo, quel che importa è che mamma e bimbo (3,7 kg di splendido maschietto) godono ottima salute. Torna dunque il sorriso nella vita di questa coppia sposata dal 1991 (un matrimonio davvero longevo, considerando la media delle unioni vip) che, come ricorderete, fu colpita da un gravissimo lutto l’anno scorso.

    Il primogenito Jet, infatti, affetto da una forma di autismo, era morto a soli 16 anni, gettando i genitori nella più cupa disperazione. I coniugi Travolta hanno anche un’altra figlia, Ella, a cui ora si aggiunge, per la gioia di tutti, il neonato Benjamin. Queste le prime dichiarazioni della coppia, diffuse tramite comunicato stampa: “Siamo in estasi, felicissimi di accogliere questo nuovo membro nella nostra famiglia“. Non dubitiamo del momento di felicità che finalmente possono godersi i due celebri attori hollywoodiani, dopo la sfilza di tragedie e malignità che li ha bersagliati di recente.

    John Travolta – che da qualche tempo noi italiani possiamo ammirare in uno spot pubblicitario, in compagnia della frizzante Michelle Hunziker – appartiene alla chiesa per “vip” Scientology, spacciata per movimento religioso, in realtà più una sorta di setta per danarosi attori e popstar, scelta che gli ha attirato molte critiche. Anche la malattia del figlio Jet, sempre tenuta sotto silenzio dalla coppia, i maligni dicono sia stata estremamente trascurata proprio a causa dei “dettami” di Scientology, a cui aderisce anche Kelly Preston.

    Ma non sono solo queste le grane dell’ex sex symbol de “La Febbre del sabato sera”: una recente biografia lo accusa, infatti, di essere gay e di aver nascosto la sua omosessualità per convenienza. A noi, tutte queste chiacchiere appaiono oziose e crudeli, e ci limitiamo a porgere le nostre più calde congratulazioni al bravo John Travolta e a sua moglie Kelly, con l’augurio che il nuovo bebè porti in casa anche la serenità di cui ogni famiglia ha bisogno per crescere al meglio un figlio.