Influenza suina, come curare le future mamme

da , il

    Tra le categorie considerate a rischio ci sono anche le future mamme. Ieri ci siamo concentrati sulla cura dei bambini, oggi cerchiamo di fare il punto sul trattamento delle donne in gravidanza, ovviamente grazie agli esperti di Io e il mio bambino.

    In caso di infezione durante la gravidanza, è possibile somministrare alla futura mamma farmaci antivirali. Ovviamente la cura deve essere fatta sotto lo stretto controllo medico. Se avete un po’ di febbre non spaventatevi, ma non prendete neanche iniziative senza senso.

    In Italia un’ordinanza del ministero della Salute inserisce le future mamme al secondo e terzo trimestre tra le persone cui la vaccinazione è raccomandata. Sono citate anche le donne che allattano fino ai 6 mesi del bambino. Sono raccomandazioni, non obblighi. Sta a voi scegliere se sottoporsi al vaccino oppure no. È una tematica molto combattuta, perché sono tante le persone che lo considerano “nocivo”.

    “Somministrare quello per la stagionale durante il primo trimestre non comporta particolari rischi per il nascituro, ma si tende a evitarlo come forma di estrema precauzione, dal momento che il primo trimestre è un periodo delicato per lo sviluppo degli organi fetali. Le stesse considerazioni sono state fatte per quello della H1N1, che ha una formulazione simile”, spiega Antonio Clavenna.

    Che rischi corrono, se contagiati, le future mamme e i bambini? “Dalle casistiche mondiali emerge che le donne in attesa corrono rischi maggiori di complicazioni respiratorie rispetto alla popolazione generale, soprattutto se si ammalano nelle ultime settimane di gravidanza”, risponde Stefania Salmaso.

    Foto tratte da

    adnkronos.com qui mamme.it