Il rapporto madre-figlio si determina nel primo anno del bambino

La relazione con la mamma determina il comportamento del bambino nel futuro ed è fondamentale il primo anno. E' proprio quando il bebè è piccolissimo che maggiormente assorbe l'esempio materno.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 20 dicembre 2011

Il rapporto madre-figlio si determina nel primo anno del bambino

Il rapporto madre-figlio è qualcosa di magico e importante. Secondo un nuovo studio a cura dell’Università del Minnesota (Usa), questa relazione condiziona il comportamento del bambino per il resto della vita: le amicizie e gli amori saranno sicuramente influenzati dal legame che lo unisce alla madre. Non voglio spaventare nessuno, soprattutto coloro che guardano con distacco i parenti, ma quest’ articolo dovrebbe incentivare l’equilibrio nella relazione con il proprio bambino.

Il dottor Jeffry A Simpson, autore dello studio con W Andrew Collins e Jessica E Salvatore dell’Università del Minnesota, ha dichiarato: “Le tue esperienze interpersonali con tua madre durante i primi 12 – 18 mesi di vita, predicono il tuo comportamento nelle relazioni romantiche 20 anni dopo”.

La vostra capacità quindi di mantenere la famiglia unita, di saper coltivare le amicizie negli anni o, invece, di non essere capaci di avere una relazione stabile sono avvertite dal bambino, anche se piccolissimo. Gli esperti sono giunti a questa tesi dopo aver analizzato 75 bambini, nati con mamme economicamente poco agiate, dal loro primo anno di vita fino al compimento dei 30 anni.

Sono stati valutati in tante situazioni diverse: lo stress per ottenere un benessere economico, ma anche la capacità di relazionarsi con le proprie emozioni, i conflitti scolastici e poi gli amori. È emerso che quanto il rapporto con la mamma è poco sereno, il bambino ha meno fiducia in sé e di conseguenza meno capacità di affrontare le relazioni con il prossimo.