Il nuovo muppet “Lily” spiega la crisi economica ai bambini in America

da , il

    Il nuovo muppet “Lily” spiega la crisi economica ai bambini in America

    Ci sono cose non sempre facili da spiegare ai bambini, come la crisi economica. Negli Stati Uniti hanno trovato una soluzione molto carina e intuitiva. Hanno affidato questo compito a un personaggio fantastico, un nuovo Muppet. Lei si chiama Lily, è rosa intenso, ed è povera. La disoccupazione, la disperazione, ritrovarsi a vivere in un centro di accoglienza perché non si ha più un dollaro. Sono tutte situazioni che gli americani stanno imparando a conoscere molto da vicino, ma che non sono semplici da far capire ai piccoli di casa.

    I Muppet sono personaggi davvero storici, molto conosciuti in tutto il mondo e sono stati individuati come mezzo di comunicazione preferenziale. Lily, il nuovo Muppet, vive in una famiglia duramente colpita dalla crisi economica. Se vuole mangiare deve recarsi alla mensa dei poveri e non abiti alla moda con cui vestirsi. Insomma, è uno di quei ragazzini (sono 17 milioni i bambini che soffrono la fame) che ha perso tutto.

    È tra l’altro un esempio molto positivo, perché non ha vergogna di quanto è capitato a lei e ai suoi cari. Nonostante il bel messaggio, negli Usa non hanno preso bene l’entrata in scena di questa piccola rosa intenso (soprattutto l’America più repubblicana) ed è già stata ritirata. Non si sa se farà ritorno nello show, per adesso è sospesa.

    La produttrice Melissa Dino ha difeso lo spettacolo in questo modo: “Noi volevamo un personaggio che fosse un bambino tra i bambini, che avesse vissuto l’ esperienza della povertà e che potesse essere rassicurato. Nel 2009 circa il 15% delle famiglie americane ha sofferto d’ insicurezza alimentare a causa della mancanza di risorse finanziarie”. Forse non è Lily a non doversi vergognare, ma certi politici.