Il latte in polvere è troppo calorico

Gli esperti hanno calcolato la quantità di calorie assunte giornalmente con le formule lattee in polvere indicate sulle confezioni. Risultato? Nel 90% dei prodotti esaminati vi è rischio di un'eccessiva assunzione di prodotto.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 26 gennaio 2010

Il latte in polvere è troppo calorico

Il latte artificiale è troppo calorico. Ma i ricercatori non avevano detto che era del tutto identico a quello materno? Questa nuova teoria (che poi tanto nuova non è) è emersa dallo studio condotto nell’ambito del progetto europeo CASCADE e pubblicato sul “International Journal of Food Sciences and Nutrition” (2009). I medici hanno esaminati ben 22 tipo di latte diversi. Gli esperti hanno calcolato la quantità di calorie assunte giornalmente con le formule lattee in polvere indicate sulle confezioni. Risultato? Nel 90% dei prodotti esaminati vi è rischio di un’eccessiva assunzione di prodotto.
Il 90% è tantissimo. Bisogna stare attenti perché – sottolineano gli esperti – le quantità di prodotto indicate in etichetta per le varie età sono superiori alle raccomandazioni e poi il misurino ha una capacità maggiore rispetto a quella dichiarata (circa 0,5 g/misurino) e con l’aumentare del numero dei misurini, un bimbo al 4 mese riceve un surplus calorico giornaliero di circa 7% rispetto al fabbisogno.

Personalmente non so cosa consigliare. Raffaela Piccinelli, la nutrizionista dell’INRAN, che ha realizzato il campionamento dei prodotti nei vari Paesi europei sostiene che per ovviare tale situazione occorra aggiungere in etichetta il consiglio ai “preparatori” dei biberon di verificare almeno una volta, per pesata, che l’insieme dei misurini utilizzati corrisponda effettivamente alla quantità di formula lattea prescritta dal pediatra.