I genitori perdono 6 mesi di sonno nei primi 2 anni del bebè

I primi due anni del piccolo sono molto duri fisicamente per ogni genitore che perde circa 6 mesi di sonno. Un dato allarmante secondo un gruppo di ricercatori

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 26 luglio 2010

I genitori perdono 6 mesi di sonno nei primi 2 anni del bebè

L’arrivo di un bambino mette davvero a dura prova i genitori. C’è un cambio di vita così radicale che bisogna restare uniti e complici per superare alcuni momenti di nervosismo. In più subentra una stanchezza esagerata, perché il piccolo è molto impegnativo: bisogna seguire i suoi ritmi, la poppata durante la notte, magari dorme poco a causa delle coliche. In tutto questo c’è il lavoro e la vita di coppia. Nei primi due anni di vita del proprio bambino i genitori perdono in media almeno sei mesi di sonno. E’ quanto emerge da una ricerca commissionata dall’azienda britannica Silentnight e pubblicata sulla rivista Daily Telegraph. E se ci pensate sono davvero tanti 6 mesi in soli due anni. Mi sembra quasi esagerato, ma vediamo insieme cosa hanno scoperto i medici.
La maggior parte dei neogenitori riesce a dormire in media solo quattro ore di sono ininterrotto a notte a causa del pianto del neonato. Questo enorme debito di sonno, secondo gli esperti, puo’ portare a sbalzi d’umore, depressione e rottura dei rapporti sociali.

Gli adulti hanno bisogno infatti di almeno cinque ore di sonno ininterrotto ogni 24 ore, alcuni anche di otto. Ma quasi due terzi (64 per cento) dei genitori con figli dorme dalle tre alle quattro ore a notte. I genitori piu’ sfortunati, il 12 per cento, dorme meno di due ore e mezza a notte. E solo due ore può davvero portare gravi problemi durante il giorno.

Bisogna quindi stare molto attenti e cercare di organizzare quanto più possibile la vita di coppia, perché non può stare sveglio sempre una persona.