I dolori mestruali, rimedi omeopatici

Con l'omeopatia si possono combattere i dolori mestruali e la sindrome preciclo. é un modo per smettere la pillola e pensare di programmare una gravidanza.

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 21 settembre 2009

Vorreste tanto avere un bambino, ma avete tanti problemi con il ciclo e pensare di soffrire certi intollerabili dolori mestruali vi fa passare la voglia di smettere la pillola.
Sono convinta che l’omeopatia non sia totalmente risolutiva e che la medicina tradizionale per certe malattie sia sempre la scelta migliore, in alcuni campi però i metodi alternativi sono un valido aiuto. Ci vuole tempo, costanza prima di vedere reali risultati, però arrivano. Inoltre, se non tollerate bene la pillola (anche se quelle di nuova generazione sono ottime) perchè non provare?

Se volete provare la rivista scientifica Riza, suggerisce alcune soluzioni per i disturbi mestruali. Attenzione, le soluzioni dovranno poi essere prese in accordo a un medico omeopata. Vietato fare il fai-da-te.

– Belladonna. È ideale per un ciclo troppo veloce nel comparire e altrettanto rapido nell’andarsene.

– Kali Carbonicum. Serve quando le mestruazioni tendono a essere in ritardo, sono scarse oppure molto ravvicinate e seguite da perdite prolungate.

– Cactus Grandiflora. Utile quando i dolori sono violenti e peggiora poco prima dell’inizio del ciclo, caratterizzato da spasmi intensi. Il male non si limita all’utero, ma spesso interessa gola, torace, vescica.

– Actecea Racemosa. E’ consigliato per la sindrome premestruale e dismenorrea con dolori spasmodici localizzati principalmente all’ovaio sinistro.

Foto tratte da
Noidonne.it
rimedinaturali.blogosfere.it