I bambini che piangono di più sono in sovrappeso

da , il

    Spesso il peso è legato alla psiche. Depressione, disturbi alimentari dipendono a doppio filo dagli stati emozionali. Questo accade anche per i bambini. Uno studio americano pubblicato su Journal of Development & Behavioral Pediatrics ha evidenziato che i piccoli che piangono molto sono spesso in sovrappeso.

    L’analisi è stata fatta sui bambini tra i 6 e i 12 mesi. Non c’è ancora una spiegazione scientifica sennonché i genitori per quietarli li nutrono più spesso: basta una camomilla zuccherata in più, una poppata per tranquillizzarli. Gesti che sembrano di poco conto e che spesso, invece, hanno degli effetti negativi sul pargolo.

    «Con i piccoli può accadere di scambiare il bisogno di affetto con quello di cibo. Ma anche dopo, bambini molto agitati possono cercare di calmarsi mangiando. Questo crea un’associazione tra emozioni e cibo che può portare, anche da adulti, a gestire le emozioni ipernutrendosi», spiega Alessandra Mauri, psicoterapeuta e docente dell’Università di Padova.

    Bisogna stare molto attenti perché quello che oggi può sembrarci un bimbo sano e paciocco, domani potrebbe essere un adulto con disturbi alimentari perché riversare sul cibo tutti i suoi disagi emotivi può portare a malattie come la bulimia e l’anoressia.

    Foto tratte da

    annegeddes.com