Gravidanza: tingersi i capelli è dannoso?

da , il

    Gravidanza: tingersi i capelli è dannoso?

    E’ una domanda piuttosto frequente tra le donne in dolce attesa: ci si può continuare a tingere i capelli normalmente durante i nove mesi della gravidanza? La risposta, in realtà, è duplice: sì e no. Vediamo, perciò, di fare un po’ di chiarezza. Il problema si pone soprattutto per le mamme “attempate”, le donne che hanno superato i 35 anni e che si ritrovano a combattere con i primi capelli bianchi, da coprire a tutti i costi. Anche durante la gravidanza, anzi, soprattutto in quei mesi! Sottoposte ad un cambiamento repentino del proprio corpo, a volte difficile da gestire sul piano psicologico, le future mamme vorrebbero avere almeno la testa sempre a posto

    Soprattutto perchè, sollecitati dal bombardamento ormonale, i capelli tendono a crescere anche più velocemente durante la gestazione. Allora, come regolarsi? Durante i primi tre mesi della gravidanza, i più delicati, quelli in cui nel feto si cominciano a formare gli organi interni, è meglio astenersi dalle tinture. Questo perchè le sostanze chimiche contenute nelle miscele utilizzate normalmente per preparare le colorazioni permanenti, come l’ammoniaca, potrebbero, seppur in minima parte, entrare in circolo nell’organismo attraverso il cuoio capelluto e giungere fino al feto.

    Si tratta, ovviamente, di una remota possibilità, ma è comunque meglio evitare che qualunque tipo di sostanza estranea, potenzialmente nociva, possa trasmettersi al nascituro. Anche dopo il primo trimestre, seppur con molto minor rischio, meglio lasciar perdere procedimenti chimici troppo “pesanti” per il trattamento della chioma: tinte ma anche stirature con l’uso di acidi e permanenti.

    Accorgimenti necessari, certo, ma nulla costringe le future mamme a rinunciare alla bellezza dei propri capelli. Come? Preferendo prodotti naturali, a base di erbe, come ad esempio il classico Hennè, o sperimentando i colpi di sole. Questi ultimi, infatti, non vengono realizzati a partire dalla radice del capello (come accade per le altre tinture), ma direttamente sul fusto, evitando in questo modo il contatto diretto con la cute. Come si vede, la soluzione si può sempre trovare! Quindi, se di tintura è meglio non parlare, soprattutto nei primi mesi della gravidanza, via libera alle colorazioni naturali. Per essere belle e a posto anche durante i nove mesi della dolce attesa.