Gravidanza e tecnologia, tutte le novità

La voce della madre è il suono più gradito dal feto. Vivaldi e Mozart lo calmano, Beethoven e Brahms lo innervosiscono. Lo dice l'ecografia 3D e 4D, una delle novità di cui si parla al secondo congresso nazionale della Fiog, Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia, che si svolge al Lingotto di Torino, centrato sul tema "Come integrare umanizzazione e tecnologia".

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 7 dicembre 2009

La musica e i suoni danno forti emozioni al bimbo ancora nel pancione. Scalcia, sorride, si placa con gli stimoli sonori. Ovviamente la voce della madre è il suono più gradito dal feto. Vivaldi e Mozart, invece, lo calmano, mentre Beethoven e Brahms lo innervosiscono. Lo ha dimostrato l’ecografia 3D e 4D, una delle novità di cui si parla al secondo congresso nazionale della Fiog, Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia, che si è svolto al Lingotto di Torino, centrato sul tema “Come integrare umanizzazione e tecnologia”.
A partecipare molti esperti del settore: oltre 1.500, tra ginecologi universitari, ospedalieri, extraospedalieri, consultoriali e ostetriche, i partecipanti. Durante il congresso si è parlato di contraccezione, con la pillola naturale, la prima a contenere lo stesso estrogeno prodotto dal corpo femminile, e la pillola del quarto e quinto giorno dal rapporto, già in commercio in Francia, Regno Unito e Germania e di prossima introduzione in Italia.

Tanti argomenti per assistere la donna in tutte le fasi della sua vita e della gravidanza. Tra gli altri temi, il trapianto dell’utero, disponibile entro cinque anni, il vaccino anti Hpv, causa del cancro alla cervice uterina, l’endometriosi, l”Agenda della gravidanza, il kit fornito dalla Regione Piemonte per accompagnare la donna durante il percorso della maternità.