Gravidanza, a cosa serve il cerchiaggio?

da , il

    Ne avete sentito parlare spesso ma ancora non avete capito bene di cosa si tratta: il cerchiaggio ,che viene praticato alle donne incinta che presentano problemi o minacce di aborto.

    E’ un piccolo intervento che si effettua in anestesia locale per problemi di “incontinenza cervicale”; quando il collo dell’utero comincia a dilatarsi troppo presto e c’è il pericolo di un aborto.

    I problemi cominciano quando l’utero, non riuscendo a sopportare il peso del bambino, comincia a dilatarsi e in questi casi c’è un forte rischio di un aborto spontaneo.

    Ci sono diversi fattori legati all’insorgenza di queste complicazioni: anomalie congenite dell’utero, un’alterazione provocata da un precedente intervento o da un parto traumatico, gravidanza gemellare ed eccessivo peso del bambino.

    Sarà il ginecologo durante le visite a vegliare sui possibili sintomi, ovvero: accorciamento ed ammorbidimento della cervice, contrazioni e perdite vaginali rosate.

    Con il cerchiaggio è consigliato anche il riposo: ovviamente in questo caso si parla di gravidanza a rischio che comunque nella maggior parte dei casi, dopo il cerchiaggio, termina nel modo migliore.