Gioco bambini autistici, ora c’è FaceSay

da , il

    Gioco bambini autistici, ora c’è FaceSay

    C’è un nuovo gioco per bambini autistici. Si chiama “FaceSay” e migliora la capacità di apprendimento, soprattutto quelle dei piccoli affetti da disturbi dello spettro autistico (Asd). Finalmente un videogame studiato non solo per intrattenere ma per migliorare la memoria e l’interazione con gli altri. Purtroppo l’Asd racchiude molti disturbi dello sviluppo e i bimbi con questa patologia evitano il contatto con le altre persone. Tendono a isolarsi. Uno dei motivi è il fatto che fanno fatica a riconoscere il volto e capire l’emozioni dell’altro. Il nuovo videogame dovrebbe aiutare a superare, almeno in parte, questo handicap.

    Gli psicologi dell’Università dell’Alabama a Birmingham hanno studiato le funzionalità del gioco e i comportamenti dei piccoli. Il software dispone di molti giochi in cui è richiesto il riconoscimento facciale (per esempio di un avatar), i giocatori sono costretti a concentrarsi in maniera attiva sul volto di una persona.

    Questa è una cosa positiva, perché i bambini sono obbligati a focalizzare su alcune immagini e a stimolare la memoria. I partecipanti ai test sono stati 25 bambini affetti da autismo e 24 dalla sindrome di Asperger, con un’età compresa fra i 6 e i 15 anni. Hanno giocato per circa un mese con sessioni di 20 minuti con tre giochi diversi di FaceSay.

    I piccoli con la sindrome di Asperger hanno ottenuto i miglioramenti più significativi, soprattutto nel riconoscere i volti, mentre per le emozioni hanno migliorato anche gli autistici. In più, la capacità d’interazione è diventata decisamente più facile.