Fino all’1,7% dei bambini nasce intersex: nè femmina nè maschio. Al via la campagna per la tutela dei diritti dei più piccoli

Parte oggi una campagna di sensibilizzazione per proteggere i diritti dei bambini 'intersex' cioè quei neonati con caratteristiche sessuali che non appartengono nè al genere maschile nè a quello femminile.

da , il

    Fino all’1,7% dei bambini nasce intersex: nè femmina nè maschio. Al via la campagna per la tutela dei diritti dei più piccoli

    “E’ maschio o femmina?” questa è una delle prime domande che vengono poste alle future mamme eppure, a volte, questa risposta non è così scontata. Infatti una percentuale compresa tra lo 0,5% e l’1,7% dei nuovi nati è “intersex” cioè con caratteristiche sessuali che non appartengono nè al genere maschile nè a quello femminile. Solitamente, però sono i genitori insieme ai medici a decidere a quale sesso ‘assegnare’ il bambino con degli interventi prima dei due anni di età. Oggi, però, sono sempre di più le associazioni che rivendicano i diritti dei bambini intersex e che vogliono fermare questa ‘pratica’

    E’ stata presentata a Roma, dall’Organisation Intersex International (Oii) Italia e dall’Associazione Radicale Certi Diritti, la campagna ‘Iosonointersex’ nata per sensibilizzare i genitori, i medici e le istituzioni.

    In un video, un bimbo intersex, mostra come è possibile nascere, crescere e vivere senza problemi e senza essere sottoposto ad alcuna operazione.

    Come spiegato da Alessandro Comeni, coofondatore di Oii Italia: “Nel video ci rivolgeremo alle persone direttamente interessate, alle famiglie, per informarle sulle scelte che potrebbero presentarsi dopo ‘la notizia’ e far conoscere le storie di persone che hanno superato quel percorso”.

    Una campagna che punta ad “aumentare la sensibilità, la conoscenza, arrivare ad avere normative che consentano di tutelare veramente i diritti delle persone intersex e monitorare le nascite e gli interventi sui bambini nel nostro Paese”

    La campagna sarà veicolata sui social network e dal sito dedicato dell’Oii www.iosonointersex.it.