Filastrocche e poesie per la Festa della Donna

In occasione della Festa della Donna, perché non imparare a memoria qualche poesia o filastrocca da dedicare a una delle donne della nostra vita? Per la mamma, la nonna, la zia, la cuginetta, la sorellina o la nostra amichetta del cuore: le possibilità sono infinite e sicuramente loro apprezzeranno il nostro impegno. Scopriamo insieme le più belle e famose

da , il

    Filastrocche e poesie per la Festa della Donna

    Filastrocche e poesie per la Festa della Donna possono diventare un modo creativo e divertente per augurare uno splendido 8 marzo a tutte le donne della propria vita, alle protagoniste femminili più importanti. Che siano le amichette del cuore, la mamma o la sorella, le nonne o le zie, ogni donna merita un augurio speciale per la propria festa, sotto forma di filastrocca o di poesia, magari accompagnata da un mazzo di fiori o di mimose confezionate ad hoc per l’occasione, o da un regalo fai da te.

    Festa della Donna, le filastrocche più famose

    In occasione dell’8 marzo sarà semplice imparare a memoria qualche verso di una di queste filastrocche, per poterlo recitare davanti alla mamma o alla donna che vogliamo festeggiare per questo 8 marzo.

    Filastrocca dell’8 marzo

    Se pensiamo alla mimosa / non pensiam la stessa cosa.

    Io non penso alla cenetta / né alla torta, né alla fetta.

    Penso a chi ha dato tanto / con gran gloria e grande vanto.

    E’ un ricordo doloroso / e non giorno di riposo.

    Ricordiamo chi ha pagato / e con morte ci ha onorato.

    Donne felici

    Donne che sperano o danno speranza, / donne rinchiuse dentro una stanza.

    Donne bambine, donne sorelle, / donne dolci dall’aria ribelle.

    Donne mamme, donne nonne, / coi pantaloni, donne colonne.

    Donne sposate, donne anche in bici, / donne ridenti, donne felici!

    Le donne

    Le donne sono maghe senza magie / che siano sorella, nonna, mamma o zia.

    Trucchi e borsette / gonnelline e scarpette.

    Ma non è come pensate, / anche le donne sono scatenate.

    Sono anche dolci come la panna / e con un loro bacio ci assicurano la nanna.

    Fanno sport con tanta felicità / e con buona volontà,

    stretching, nuoto o pallavolo, / battono tutti in un colpo solo.

    Praticano anche sport estremi / senza tanti problemi.

    Sono allegre e piene di energia, / a volte si arrabbiano, ma che vuoi che sia?

    Sono gentili e carine / come soleggiate mattine.

    Dolci forti e movimentate, / con loro si fanno tante risate.

    Le donne meritano un mazzo di rose / di viole gelsomini e mimose.

    Donne, donne, donne

    Donne colorate come l’arcobaleno / più splendenti della luna,

    profumate come le rose, / leggiadre come le margherite e le violette.

    Dolci farfalle, timide mimose appena fiorite: / il vostro profumoè la primavera.

    La mimosa

    La mimosa, / un regalo per la mia donna generosa.

    Ti offro questo fiore, / come un dono carico d’amore.

    Buon 8 marzo

    Buon otto marzo, / con tanto amore e senza troppo sfarzo.

    Buona festa a tutte le donne, / mamme, zie, sorelle o nonne.

    Auguri carichi d’amore, / da raccontare con una poesia, una carezza o un fiore.

    La bellezza delle donne

    Una donna mostra la sua bellezza, / ma nasconde la sua tristezza.

    Bellezza e amore, / due doti delle donne di cuore.

    E per la loro festa, / aiutiamo le donne a togliersi ogni pensiero dalla testa.

    Bellezza non fa rima / con tristezza!

    Poesie per la Festa della Donna, le più belle

    Perché invece non dedicare un pensiero in rima alla donna più importante della nostra vita? Queste poesie per la Festa della Donna saranno un’idea perfetta per rendere felice la mamma, la nonna o la sorellina. Potrete recitarle davanti a tutti oppure, se siete più timidi, scriverle su un bigliettino da lasciarle vicino al caffè a colazione (o al dolcetto preferito a cena). Pronti? Scopriamo i versi più belli.

    Sorridi donna, di Alda Merini

    Sorridi donna / sorridi sempre alla vita / anche se lei non ti sorride.

    Sorridi agli amori finiti / sorridi ai tuoi dolori / sorridi comunque.

    Il tuo sorriso sarà / luce per il tuo cammino / faro per naviganti sperduti.

    Il tuo sorriso sarà / un bacio di mamma, / un battito d’ali, / un raggio di sole per tutti.

    Donna, di Giuseppe Ungaretti

    Sei la donna che passa / come una foglia.

    E lasci agli alberi / un fuoco d’autunno

    Tu non sei i tuoi anni, di Ernest Hemingway

    Tu non sei i tuoi anni / né la taglia che indossi,

    non sei il tuo peso / o il colore dei tuoi capelli.

    Non sei il tuo nome, / o le fossette delle tue guance.

    Sei tutti i libri che hai letto / e tutte le parole che dici,

    sei la tua voce assonnata al mattino / e i sorrisi che provi a nascondere,

    sei la dolcezza della tua risata / e ogni lacrima versata,

    sei le canzoni urlate così forte / quando sapevi di esser tutta sola.

    Sei anche i posti in cui sei stata / e il solo che davvero chiami casa,

    sei tutto ciò in cui credi / e le persone a cui vuoi bene,

    sei le fotografie nella tua camera / e il futuro che dipingi.

    Sei fatta da così tanta bellezza, / ma forse tutto ciò ti sfugge

    da quando hai deciso / di esser tutto quello che non sei.

    Donna, di Rabindranath Tagore

    Donna, non sei soltanto l’opera di Dio, / ma anche degli uomini, che sempre / ti fanno bella con i loro cuori.

    I poeti ti tessono una rete / con fili di dorate fantasie; / i pittori danno alla tua forma / sempre nuova immortalità.

    Il mare dona le sue perle, / le miniere il loro oro, / i giardini d’estate i loro fiori

    per adornarti, per coprirti, / per renderti sempre più preziosa.

    Il desiderio del cuore degli uomini / ha steso la sua gloria / sulla tua giovinezza.

    Per metà sei donna, / e per metà sei sogno.

    Aggiornamento a cura di: Redazione Pour Femme