Filastrocche per bambini per imparare semplici concetti

Le filastrocche sono frasi in rima divertenti e simpatiche, ma sono anche molto utili per far imparare ai bambini semplici concetti, come i numeri e i nomi delle dita della mani. Scopriamo le più belle, per bimbi di ogni età

Pubblicato da Valentina Morosini Domenica 4 marzo 2012

Filastrocche per bambini per imparare semplici concetti
Foto di Charlein Gracia / Unsplash.com

Non sono solo carine e divertenti, le filastrocche per bambini servono anche a imparare semplici concetti, per esempio i numeri, i nomi delle dita o delle forme geometriche, proprio come le rime che troverete più avanti. Le canzoncine non servono solo a passare il tempo ma diventano anche dei veri strumenti didattici e a volte anche un modo per memorizzare delle cose che inizialmente possono risultare un po’ ostiche.
E se dopo aver fatto imparare cose nuove ai nostri bambini li vorrete far ridere un po’, non perdete anche il nostro elenco delle filastrocche divertenti più allegre di sempre!

Ma ora torniamo all’apprendimento e scopriamo le filastrocche per imparare semplici concetti più belle per bambini di tutte le età.

Le cinque dita


Andò al mercato il pollice
e comperò una mela,
ma poi la vide l’indice
e agli altri la indicò,
il medio disse subito:
adesso chi la pela?
E tutti protestarono:
io no, io no, io no.
Io no perchè son piccolo, rispose l’anulare,
io neanche disse l’indice…
I 4 litigarono: nessuno la sbucciò,
allora il furbo mignolo la prese e la mangiò!
GNAM!

Le forme geometriche


Son quadrato e son perfetto,
assomiglio a un fazzoletto,
se mi allungo un pochettino
faccio un bel rettangolino.

Triangolo mi han chiamato,
da tre punte son formato,
sono un poco spigoloso,
ma non son pericoloso.

Sono un cerchio e son rotondo,
giro spesso nel bel mondo,
giro in tondo in bicicletta
con l’auto o la motocicletta.

Filastrocca sui numeri

Uno, è giocare un po’ ciascuno
Due, sono un paio di calze tue
Tre, è una tazzina di caffè
Quattro, è la ciotola del gatto
Cinque, è parlare tante lingue
Sei, è il regalo che vorrei
Sette, è il pane fatto a fette
Otto, è il gelato col biscotto
Nove, è l’ombrello quando piove
Dieci, è la pasta con i ceci