Filastrocche di Gianni Rodari sulla scuola, le più divertenti

Alcuni concetti proprio non entrano in testa ai vostri bambini? Sono tristi perché ricomincia la scuola? Meno male che esiste Gianni Rodari, che con le sue filastrocche fa tornare il sorriso a grandi e piccini

Pubblicato da Paola Perria Lunedì 10 settembre 2012

Filastrocche di Gianni Rodari sulla scuola, le più divertenti
Foto di Pressmaster / Shutterstock.com

Per i bambini che non amano stare tra i banchi le filastrocche di Gianni Rodari sulla scuola sono un modo divertente e allegro per insegnare alcune materie o concetti base. Gianni Rodari ha scritto molte filastrocche didattiche sulle materie scolastiche, ma anche simpatiche, davvero imperdibili! Questo grandissimo autore italiano per l’infanzia, infatti, scrisse tantissime poesie in rima dedicate a tutto ciò che i bimbi imparano sui banchi di scuola, nozioni che a volte sembrano proprio ostiche e difficili da far entrare in testa.
Le prime regole di grammatica, le prime operazioni di aritmetica, cose buffe e strane da capire come l’uso dell’acca, degli accenti, della punteggiatura… sono tanto importanti quanto complicate per gli scolari (a volte anche per gli adulti!). Ecco che, per aiutarli, anche delle divertenti filastrocche possono tornare utili. Perché la scuola è un’avventura fantastica, e apprendere divertendosi… non ha prezzo!

Filastrocche didattiche, per imparare

Gianni Rodari ha scritto, come già detto, tantissime filastrocche per imparare le materie di scuola più difficili e ostiche: scopriamo qui di seguito le frasi in rima di questo autore che proprio non si possono non conoscere!

B.P.

Tutte le lettere dell’alfabeto
hanno un suono vivace e lieto
tranne l’Acca che, come si sa,
un suono proprio non ce l’ha.
Ci sono lettere importanti:
l’A che a tutte sta davanti,
del suo primato è molto orgogliosa
e porta sempre la Maglia rosa;
la Zeta, con cui si scrive «zero»,
è più temuta dell’Uomo Nero.
Ci sono lettere buone e care
come la G del verbo giocare.
Certe lettere vanno in coppia,
e la T spesso si raddoppia…
Ma la coppia più speciale,
famosa su scala internazionale,
è quella che vedete qui:
una B. con una P.
B.P… Che vuol dire? Pensateci un po’:
forse Buon Pranzo… forse Buon Pro…
Oppure… Buona Passeggiata?
Trovate da soli la … Bella Pensata.

Como nel Comò

Una volta un accento
per distrazione cascò
sulla città di Como
mutandola in comò.
Figuratevi i cittadini
Comaschi, poveretti:
detto e fatto si trovarono
rinchiusi nei cassetti.
Per fortuna uno scolaro
rilesse il componimento
e liberò i prigionieri
cancellando l’accento.
Ora ai giardini pubblici
han dedicato un busto
“A colui che sa mettere
gli accenti al posto giusto.”

Tragedia di un dieci

Fuggiva un giorno un Dieci
pieno di trepidazione,
inseguito da un nemico mortale: la Sottrazione!
Il poverino è raggiunto,
crudelmente mutilato:
ben due unità ha perduto,
un Otto è diventato.
Dalla padella cascando
nella brace,
ecco qua,
incappa nella Divisione
che lo taglia a metà.
Ora è un misero Quattro,
mal visto dagli scolari.
“Consolati – gli dicono –
sei sempre un numero pari…”
“C’è poco da consolarsi
la mia sorte è ben dura.
O incontro un’Addizione
o sarà…la bocciatura”.

Il punto interrogativo

C’era una volta un punto
interrogativo, un grande curiosone
con un solo ricciolone,
che faceva domande
a tutte le persone,
e se la risposta
non era quella giusta
sventolava il suo ricciolo
come una frusta.
Agli esami fu messo
in fondo a un problema
così complicato
che nessuno trovò il risultato.
Il poveretto, che
di cuore non era cattivo,
diventò per il rimorso
un punto esclamativo.

Per colpa di un accento

Per colpa di un accento
un tale di Santhià
credeva d’essere alla meta
ed era appena a metà.
Per analogo errore
un contadino a Rho
tentava invano di cogliere
le pere da un però.
Non parliamo del dolore
di un signore di Corfù
quando, senza più accento,
il suo cucu non cantò più.

L’ago di Garda

C’era una volta un lago, e uno scolaro
un po’ somaro, un po’ mago,
con un piccolo apostrofo
lo trasformò in un ago.
“Oh, guarda, guarda –
la gente diceva
– l’ago di Garda!”
“Un ago importante:
è segnato perfino sull’atlante”.
“Dicono che è pescoso.
Il fatto è misterioso:
dove staranno i pesci, nella cruna?”
“E dove si specchierà la luna?”
“Sulla punta si pungerà,
si farà male…”
“Ho letto che si naviga un battello”.
“Sarà piuttosto un ditale”.
Da tante critiche punto sul vivo
il mago distratto cancellò l’errore,
ma lo fece con tanta furia
che, per colmo d’ingiuria,
si rovesciò l’inchiostro
formando un lago nero e senza apostrofo.

Il caso di una parentesi

C’era una volta
una parentesi aperta
e uno scolaro
si scordò di chiuderla.

Per colpa di quel somaro
la poveretta buscò un raffreddore,
e faceva uno sternuto
al minuto.

Passato il malore
fece scrivere da un pittore
il seguente cartello:
“Chi mi apre, mi chiuda, per favore”.

La famiglia punto e virgola

C’era una volta un punto
e c’era anche una virgola:
erano tanto amici,
si sposarono e furono felici.

Di notte e di giorno
andavano intorno
sempre a braccetto:
“Che coppia modello”
la gente diceva
“che vera meraviglia
la famiglia Punto-e-virgola”.

Al loro passaggio
in segno di omaggio
perfino le maiuscole
diventavano minuscole:
e se qualcuna, poi,
a inchinarsi non è lesta
la matita del maestro
le taglia la testa.

La tribù degli indiani Cucù

Conosci la tribù degli indiani Cucù?

C’è l’indiano Cuore che raccoglie le more;
c’è Cuoio un indianone che fa lo stregone;
c’è Scuola l’indiana che fila la lana;
c’è l’indiano Cuoco che accende un bel fuoco.

Conosci la tribù degli indiani Cucù?
Se li scrivi con la Q ride tutta la tribù!!!!!

Tragedia di una virgola

C’era una volta
una povera virgola
che per colpa di uno scolaro
disattento
capitò al posto di un punto
dopo l’ultima parola
del componimento.

La poverina, da sola,
doveva reggere il peso
di cento paroloni,
alcuni perfino con l’accento.
Per la fatica atroce morì.

Fu seppellita
sotto una croce
dalla matita
blu del maestro,
e al posto di crisantemi e sempreverdi
s’ebbe un mazzetto
di punti esclamativi.

Filastrocche sulla scuola

Gianni Rodari ha anche scritto molte rime e filastrocche sulla scuola, sul primo giorno e sugli ultimi, così come sulle vacanze. Curiosi? Scopriamole insieme, allora!

Il primo giorno di scuola

Suona la campanella;
scopa, scopa la bidella;
viene il bidello ad aprire il portone;
viene il maestro dalla stazione;
viene la mamma, o scolaretto,
a tirarti giù dal letto…

Viene il sole nella stanza:
su, è finita la vacanza.
Metti la penna nell’astuccio,
l’assorbente nel quadernuccio,
fa la punta alla matita
e corri a scrivere la tua vita.

Scrivi bene, senza fretta
ogni giorno una paginetta.
Scrivi parole diritte e chiare:
Amore, lottare, lavorare.

Filastrocca del mese di giugno

Filastrocca del mese di giugno,
il contadino ha la falce in pugno:
mentre falcia l’erba e il grano
un temporale spia lontano.

Gli scolaretti sui banchi di scuola
hanno perso la parola:
apre il maestro le pagelle
e scrive i voti nelle caselle…

“Signor maestro, per cortesia,
non scriva quel quattro sulla mia:
Quel cinque, poi, non ce lo metta
sennò ci perdo la bicicletta:
se non mi boccia, glielo prometto,
le lascio fare qualche giretto”.

Il paese delle vacanze

Il Paese delle Vacanze
non sta lontano per niente:
se guardate sul calendario
lo trovate facilmente.
Occupa, tra Giugno e Settembre,
la stagione più bella.
Ci si arriva dopo gli esami.
Passaporto, la pagella.
Ogni giorno, qui, è domenica,
però si lavora assai:
tra giochi, tuffi e passeggiate
non si riposa mai.

La scuola dei grandi

Anche i grandi a scuola vanno
tutti i giorni di tutto l’anno.
Una scuola senza banchi,
senza grembiuli nè fiocchi bianchi.

E che problemi, quei poveretti,
a risolvere sono costretti:
“In questo stipendio fateci stare
vitto, alloggio e un po’ di mare”.

La lezione è un vero guaio:
“Studiare il conto del calzolaio”.
Che mal di testa il compito in classe:
“C’è l’esattore delle tasse”!

Vi sono piaciute le filastrocche sulla scuola di Gianni Rodari? Allora, se volete continuare a sorridere con i vostri bambini, sfogliate il nostro elenco completo delle filastrocche divertenti da recitare in rima tutti insieme!