Filastrocche bambini: ecco quelle tradizionali

da , il

    Filastrocche bambini: ecco quelle tradizionali

    Le filastrocche per i bambini sono dei piccoli rituali che scandiscono la loro crescita: io mi ricordo ancora quelle che mi raccontava mia nonna e, a forza di sentirle e anche se non le ho mai studiate, anche adesso a distanza di moltissimi anni le ho chiare nella mente. Molto spesso spiegano anche certi passaggi della vita, i fenomeni naturali e servono a far sorridere. E’ un ottimo modo per concludere la giornata: prima di andare a letto una filastrocca e poi…buonanotte a tutti!

    A mezzanotte

    Stanotte a mezzanotte

    è nato un bel bambino,

    bianco, rosso e

    tutto ricciolino.

    Maria lavava,

    Giuseppe stendeva

    e il bimbo piangeva

    dal freddo che aveva.

    Non pianger, mio figlio,

    che adesso ti piglio,

    ti lavo, ti vesto

    la pappa ti dò.”

    La neve scendeva,

    scendeva dal cielo,

    Maria col suo velo

    copriva Gesù.

    Acqua e sole

    La cicala nell’estate

    fra le rame se ne sta.

    Se son belle le giornate

    a gridare: cia cia cia.

    Ma se viene il temporale

    rotolar si sente il tuono,

    mentre taccion le cicale

    brontolone brontolone.

    Acqua e sol maturan tutti

    uva, grani olive e frutti.

    Agosto

    Io son Agosto e acconcio le botti,

    giovani e vecchie le acconcio tutte,

    e a loro levo tutto il fortore,

    fra gli altri mesi sono il migliore.