Fertilità: arriva il test per svelare fino a quando potremmo avere bambini

da , il

    Fertilità: arriva il test per svelare fino a quando potremmo avere bambini

    Sapere già a 20 anni quando andremo in menopausa e di conseguenza quando la nostra fertilità comincerà a ridursi? Oggi è possibili grazie ad un nuovissimo test per misurare la concentrazione dell’ormone prodotto dalle cellule delle ovaie che prevede solo un semplicissimo prelievo del sangue. Messo a punto dagli scienziati dell’Università di Scienze mediche di Teheran, il test misura la concentrazione dell’Amh, l’ormone prodotto dalle cellule delle ovaie. «Così le donne potranno riuscire a pianificare il momento di farsi una famiglia», sottolinea il ginecologo Luca Gianaroli, presidente della Società europea di riproduzione umana e embriologia (Eshre).

    Gianaroli ha presentato i risultati della ricerca iraniana a Roma durante l’annuale congresso scientifico e ha ammesso: «Mai prima d’ora sono state elaborate previsioni simili sull’età fertile femminile». E continua: «La comunità scientifica internazionale adesso dovrà validare la scoperta. Saranno necessari almeno altri due anni».

    Tantissimi anni di sperimentazione per ottenere un risultato stupefacente: «L’obiettivo dell’indagine è arrivare a una valutazione più realistica della capacità riproduttiva. Per il momento il modello statistico elaborato sui livelli di Amh appare sufficientemente valido per guidare i medici nell’attività quotidiana e aiutare le donne nella pianificazione familiare» ha sottolineato Fahimeh Ramezani Tehrani, studioso che ha collaborato allo studio.

    Viene così misurata la concentrazione nel sangue dell’ormone antimulleriano che controlla lo sviluppo dei follicoli nelle ovaie: quando i livelli di Amh sono elevati (superiori, per esempio, a 3,8 nanogrammi per millilitro a 25 anni) la menopausa arriverà dopo i 50 anni; concentrazioni inferiori coincidono con un arrivo prematuro della fertilità.

    «La vera sfida oggi è riuscire a convincere le donne, che nel 5% dei casi partoriscono dopo i 40 anni, ad anticipare di almeno dieci anni la scelta di avere un bambino. Solo così sarà rispettato davvero l’orologio riproduttivo. Dopo i 37 anni, comunque, le chance di concepire diminuiscono drasticamente» sottolinea Giorgio Vittori, presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia.

    Fotografie tratte da

    sxc.hu