Fecondazione assistita, in Egitto si potrà scegliere se avere un maschio o una femmina

da , il

    Scegliere il sesso del bambino. Per adesso è una cosa casuale. Non si può decidere a priori, si possono avere delle preferenze, ma restano tali perché è la sorte che decide per noi. In Egitto però non sarà così ancora a lungo. A prometterlo è la clinica di fecondazione assistita del dottor Ashraf Sabry, al Cairo che assicura ai genitori che presto potranno scegliere il fiocco del colore del loro bimbo, che nella maggior parte dei casi sarà azzurro. Vincono i maschietti per una questione culturale: c’è necessitò di trasmettere il nome di famiglia o il patrimonio.

    Questa possibilità avrà ovviamente un costo (basato sulla logica della richiesta): il trattamento, che si avvale della selezione pre-impianto degli embrioni a seconda del sesso, costa da 3 mila a 4 mila euro. Una cifra inarrivabile per la maggior parte degli egiziani, tanto più se il risultato non è garantito al 100%.

    Per adesso il ricorso alla fecondazione assistita in Egitto è abbastanza limitato, però il desiderio di concepire un maschio è fortemente radicato nella cultura del Paese. Secondo un’indagine ufficiale condotta nel 2007, il 90% degli uomini egiziani afferma di volere un figlio maschio. Addirittura, piuttosto che avere una femmina c’è chi preferirebbe non fare figli.