Famiglie numerose: in tanti si può

Famiglie numerose: si sono riunite insieme a Riccione provenienti dall’Europa e dall’Italia. Una gioia vedere tanti bambini insieme ed i genitori: in tanti è bello!

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Lunedì 2 agosto 2010

Famiglie numerose: in tanti si può

“In tanti si può”. Sembra essere questo il motto delle oltre 1.500 famiglie che in questi giorni si sono riunite presso il parco d’Oltremare di Riccione. Sono qui per la V° Assemblea nazionale dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose (Anfn) e per quella europea dell’Elfac (European Large Families Confederation). Si tratta di giornate di incontri, confronti, condivisione e momenti anche ludici. Sono famiglie con almeno tre figli. Ovvero una scelta di vita al mondo d’oggi, non troppo semplice da seguire. Il problema maggiormente enunciato è quello economico, a detta di tutti. Anche di chi ha un figlio solo e si rende conto di quanto i pannolini, gli omogeneizzati, i vestiti ecc. possono costare.


Poi si arriva alle cifre proibitive per gli asili nido, che spesso non permettono a noi mamme di tornare al lavoro. Su questo punto vorrei fare con voi una riflessione: per accedere ad un nido comunale, esistono nella maggior parte delle città delle graduatorie.

I punteggi si ottengono in base ad alcuni requisiti. Tra questi, ha un punteggio maggiore il bambino con entrambe i genitori lavoratori. Di logica è un concetto giusto. Ma in concreto: 2 stipendi in casa permettono di pagare un asilo nido privato. Un solo stipendio in genere no.

La mamma casalinga è destinata a rimanere tale, senza poter contribuire alle spese di famiglia. Vi sembra giusto? Pensate ad una coppia con tre o quattro figli: alle spese del dentista, alla prima comunione, alla casa grande.

Perché poi lo sapete meglio di me: ad un figlio si cerca di dare sempre il meglio. Ma tornando all’argomento principale, senza allontanarci troppo dalla riflessione.

Le famiglie numerose nel corso dell’assemblea hanno sottolineato la necessità di serie e concrete agevolazioni fiscali. Mi sembra doveroso.

Pensate solo a cosa significa portare in vacanza quattro figli! Lo sapete amiche, lo sconto in genere è solo sul primo! Comunque io la penso così: i figli vanno fatti, adottati o presi in affido.

Ogni bambino è fonte di gioia, ma è anche una seria e doverosa scommessa per il futuro. Un aiuto serve, però. Per fortuna ci sono i nonni!