Esami di Maturità 2011: terza prova, gli argomenti da ripassare

Gli studenti della Maturità 2011 saranno tra poco alle prese con la terza prova: si tratta di un compito multidisciplinare le cui materie vengono scelte direttamente dalla commissione interna ad ogni classe.

Pubblicato da Francesca Bottini Sabato 25 giugno 2011

Esami di Maturità 2011: terza prova, gli argomenti da ripassare

Dopo il tema e la seconda prova, per gli studenti che affrontano l’esame di Maturità, il 27 giugno è il momento della terza prova, soprannominata “il quizzone”. Eh si, si tratta proprio di una quiz con varie domande su varie materie, che i circa 500mila maturanti dovranno affrontare prima di compiere l’ultimo passo, ovvero l’orale. Questa prova è stata introdotta nel 1998 e ha come obiettivo quello di valutare la preparazione degli studenti in tutte le materie studiate negli ultimi anni scolastici: è una delle prove più ostiche perché necessita di una grande elasticità mentale da parte degli studenti.

I test, da scuola a scuola, per la terza prova dell’esame di Maturità possono avere varie tipologie: possono essere a risposta singola, multipla ma possono anche esserci soluzione di problemi, casi pratici o sviluppo di progetti. Non mancherà ovviamente anche una lingua straniera, fondamentale ormai in tutti gli indirizzi di studio.

Ora è un po’ difficile cercare di prevedere le domande, anche perché vengono decise dalla commissione di ogni scuola e quindi sono diverse per tutti.

Il consiglio è comunque quello di evitare di voler ripassare tutti programmi di tutte le materie dell’ultimo anno. Cercate di puntare sugli argomenti che conoscete un po’ meno e concentratevi a ripassare alcuni punti del programma che non siete riusciti ad approfondire durante l’anno.

Se comunque avete sempre studiato e vi siete applicati, non sarà difficile risolvere questa prova, anche perché si spera che i professioni puntino su argomenti abbastanza ampi e importanti. Ormai i ragazzi son abituati a questo tipo di prova anche perché i professori durante l’anno avranno provveduto a fare varie simulazioni con la materie che, molto probabilmente troverete anche nel compito della maturità.