Donna incinta operata grazie a robot, prima volta in Italia

Per la prima volta in Italia è stato eseguito un intervento chirurgico per l’asportazione di un tumore su una donna incinta al quinto mese utilizzando il robot Da Vinci. Ad Arezzo.

Pubblicato da Paola Perria Giovedì 5 maggio 2011

Donna incinta operata grazie a robot, prima volta in Italia

Per la prima volta in Italia una donna incinta è stata operata da… un robot. E’ accaduto all’ospedale San Donato di Arezzo, dove l’equipe medica guidata dal prof Fabio Sbrana, primario del reparto di Chirurgia della struttura sanitaria, ha coordinato un eccezionale intervento su una paziente al quinto mese di gravidanza utilizzando, però, non le sue mani munite di bisturi, bensì le estremità teleguidate del robot Da Vinci. Alla donna, infatti, era stato diagnosticato un tumore alla ghiandola surrene, che si era inizialmente tentato di curare per via farmacologica, ma senza successo.

Poiché la malattia avrebbe potuto nuocere sia alla mamma che al feto, si è reso necessario procedere con l’asportazione chirurgica, peccato che la paziente avesse superato la soglia limite in cui si può operare in sicurezza una gestante, così, si è pensato all’utilizzo del robot. Si tratta di chirurgia cosiddetta mininvasiva, già sperimentata ma mai su donne in gravidanza.

L’intervento, che è durato poco più di due ore, è andato benissimo, e ora non resta che attendere l’esito dell’esame istologico sul tumore asportato. “I parametri stanno riacquisendo i livelli normali postoperatori – ha spiegato la dott.ssa Claudia Recine, responsabile del reparto di Rianimazione – Nelle prossime 24-48 ore sarà valutata l’opportunità di trasferirla di reparto”.

Una splendida notizia che ci conferma i passi da gigante che la scienza medica sta facendo, anche in ambito chirurgico. I nostri complimenti al robot Da Vinci, ma soprattutto ai medici che lo hanno sapientemente guidato e i più affettuosi auguri alla futura mamma e al bebè, per un prosieguo sereno e in salute della gravidanza.