Disturbi del sonno fino ai 3 anni per il 21% dei bambini

da , il

    Disturbi del sonno fino ai 3 anni per il 21% dei bambini

    I disturbi del sonno nei bambini, specialmente molto piccoli, sono più diffusi di quanto si pensi, ma soprattutto, non è detto che con il tempo migliorino. Uno studio Usa condotto dall’Università di Cincinnati (Ohio), ha infatti rilevato che, dati alla mano, un bimbo su 10 soffre di problemi legati al sonno (insonnia, difficoltà ad addormentarsi, incubi, sonno agitato ecc.) fino ai 3 anni di età (nel 21% dei casi). Questo 10% di piccoli insonni, purtroppo tende a portarsi dietro le difficoltà nel riposo notturno ben oltre la prima infanzia, mentre, al contrario, cominciare bene, quindi senza problemi fin da subito, è nella maggior parte dei casi privilegio che prosegue con la crescita.

    I medici dell’ospedale pediatrico di Cincinnati, che hanno firmato lo studio pubblicato sulla rivista Pediatrics, per giungere alle loro conclusioni hanno coinvolto 359 mamme con i loro bambini di 6, 12, 24 e 36 mesi, tutti sofferenti di disturbi del sonno. Su 100 bambini, si è visto che una quota compresa tra i 21 e i 35 ha proseguito ad avere problemi con la nanna dalla nascita fino ai tre anni, e anche oltre.

    Insomma, una vera iattura, sia per i piccoli che per le mamme e i papà. “Spesso il messaggio che si dà ai genitori è di non preoccuparsi –commenta la dott.ssa Kelly Byars, una delle autrici dello studio – Perché con la crescita andrà meglio. Ma in realtà questo non accade per tutti”.

    Purtroppo, sembra proprio che fare la nanna sia diventato come scalare una montagna per tanti, troppi bebè, il consiglio è quello di cercare di creare un ambiente quanto più conciliante possibile, mandandoli a letto sempre alla stessa ora, leggendo loro delle fiabe della buonanotte o facendo loro ascoltare una bella e dolce ninna nanna.

    Ma se proprio siete disperati perché il vostro pargolo di dormire proprio non ne vuole mai sapere, allora, provate con l’App ideata da questo geniale neo papà inglese, pare che funzioni…