Diarrea bambini: un sollievo arriva dai probiotici

La diarrea nei bambini è una malattia che si presenta abbastanza di frequente. Per combatterla, i pediatri consigliano la somministrazione di probiotici e di bevande idratanti.

Pubblicato da Paola Perria Lunedì 9 maggio 2011

Diarrea bambini: un sollievo arriva dai probiotici

La diarrea è un disturbo frequente nei bambini piccoli, causata da virus e batteri patogeni che “colonizzano” l’intestino provocandone l’infiammazione. Per combattere questa malattia, che determina una forte disidratazione nel piccolo, a causa delle numerose scariche giornaliere, si possono usare anche i probiotici, che forniscono un valido aiuto sia contro i microorganismi patogeni, sia come stimolo per il sistema immunitario. A decretarlo sono stati i pediatri della Cochrane Association, prestigiosa associazione che valuta l’efficacia delle terapie, i quali si sono basati su un gran numero di studi (una sessantina circa), condotti sui bambini.

I lactobacilli contenuti nei probiotici,(yogurt, latte fermentato e integratori alimentari) infatti, agendo contro i batteri e i virus che causano la diarrea, sono in grado sia di ridurre di almeno 24 ore la durata del disturbo, sia di limitare del 59% le probabilità che la malattia si prolunghi oltre i tre giorni. Secondo quanto rilevato dai vari studi, il sollievo nel piccolo si osserva già a partire dal secondo giorno, in cui si riduce anche il numero delle scariche.

Una buona notizia, inoltre, è che l’efficacia dei probiotici è priva di effetti collaterali, anche se non si è dimostrata identica in tutti i casi di diarrea, nel senso che mentre alcuni piccoli pazienti avevano mostrato un miglioramento molto evidente conseguente all’assunzione di questi alimenti, per altri il sollievo non è stato così clamoroso. Comunque sia, funziona, e questo è l’importante.

La diarrea nei bambini è una malattia comune, che si presenta con maggior frequenza nei mesi di febbraio e marzo – ci spiega Italo Farnetani, presidente dell’Associazione Pediatri italiani – I probiotici possono essere utili ma va ricordato che, come confermano anche i medici della Cochrane, l’intervento principale resta la reidratazione. Esistono in commercio soluzioni apposite molto efficaci, ma non sempre sono gradite. Meglio, quindi, far bere ai bambini le bevande che più gli piacciono, come succhi di frutta e bibite analcoliche”.